Ziggy Stardust …

 

Sfruttando le potenzialiatà dell’ e-commerce, qualche tempo fa ero riuscito ad assicurarmi la versione storica, quella del 1972 – su vinile  naturalmente – di ” The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars”.  E’ la passione condivisa con un popolare eroe dei fumetti, Nathan Never, raggiante quando riesce a mettere le mani su un vecchio disco dei Beatles, ad esempio. Chi ha provato ad ascoltare la musica dai 33 giri, sa di  cosa sto parlando: un suono ‘caldo’, copertine che sono delle vere opere d’arte, a volte. E poi una miriade d’informazioni sul tecnico del suono, sulla esibizione, magari in un solo brano, di un tal musicista e così via.

bowie ziggy

Oggi, scomparso l’eroe, mi resta in mano il feticcio. ” Alfò, è morto David Bowie”, si è affrettato a segnalare il mio amico Paolo, titolare di una conosciutissima edicola nel centro cittadino, mentre sceglievo il solito carico di fumetti. Tristezza e il pensiero che corre a Lou Reed, scomparso anch’egli  da tempo e pure lui punto di riferimento emozionale per entrambi. Ci sei cresciuto con le loro canzoni e come per tutti gli eroi hai sempre attribuito loro il dono dell’immortalità. Certo, restano i dischi, i concerti fatti. Ma sai già che non potranno continuare a stupirti. Lou Reed era dato per ‘finito’, quando sfornò un disco della cosiddetta: “New York”. La magia di chi ha delle qualità e non intende rinunciare ad esprimerle. Lo stupore, appunto, per chi le ascolta, quando credevi non fosse più possibile.

Ho scritto pochissimo di Bowie. Era inutile, del resto. I Media di tutto il pianeta, ed oltre, dispongono di materiale sovrabbondante e di prima mano su di lui. Resta, egoisticamente, la profonda convinzione che pure un altro pezzo della tua storia personale se n’è andata ed anche la copia su vinile,  originale ed ottimamente conservata, ha oggi un valore ridotto senza Starman.

“Ziggy suonava la chitarra, improvvisava bene con Weird e Gilly, i Ragni di Marte. (…) Riuscì ad arrivare lontano, diventò un uomo speciale …”.

Alfonso Scalzo

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *