Verso le Regionali : Speranza,
lo scontro interno al Pd paralizza
il Centrosinistra. Occorre uno ‘scarto’, altrimenti vincono gli altri.
NOSTRA INTERVISTA

 

Elezioni si, elezioni no. Mentre la data per le consultazioni Regionali slitta con cadenza periodica, l’intervista di CatanzaroPolitica ad uno dei  tre candidati  tra i quali il Centrosinistra  dovrà scegliere,nel corso delle proprie Primarie, il nome da indicare agli elettori  per la presidenza della Giunta Regionale.

 

L’intervista a Gianni Speranza

 

giann speranza

 

In Calabria l’inerzia  politica  è stata sostituita, a tutti gli effetti, dall’azione della Magistratura, sollecitata spesso da cittadini o associazioni di cittadini. Dal caso Scopelliti  alla recentissima ordinanza del Tar sui tempi delle elezioni regionali. Com’è possibile?

 

Io ringrazio soprattutto le associazioni di cittadini  ed i cittadini che si sono rivolti al Tar ed hanno promosso questa giusta azione. Se non ci fosse stata, non avremmo potuto ottenere l’ordinanza con la quale, si ordina appunto  alla dott.ssa Stasi, presidente facente funzioni della Giunta Regionale, di fissare per decreto le elezioni. Perché in tutti questi  mesi, dal 27 marzo ad oggi ( giorno della sentenza  di condanna a sei anni di reclusione emessa dal tribunale di Reggio Calabria nei confronti dell’ex Presidente della Giunta Regionale, Giuseppe Scopelliti, n.d.r.) , si sono verificate  troppe cose veramente indecenti: bugie, artifici legali, tutto pur di non votare in Calabria. C’è un vero partito  trasversale che non vuole votare, che vorrebbe arrivare a fine legislatura e che ha fatto di tutto per arrivarci. Ritengo che sia scandaloso ed i cittadini stanno avendo moti danni da questo tipo di situazione. Per prima cosa mi batto perché al più presto si fissi la data del voto. Ma si fissi per decreto, non per chiacchere.

 

Primarie di Coalizione, Primarie Istituzionali, Elezioni Regionali che ‘slittano’ continuamente. Non si sta offrendo un quadro poco edificante ai cittadini?

Ma certo. Anche queste Primarie Istituzionali… ma secondo lei è possibile che s’indichino le Primarie e poi si scopre che costano troppo: una volta 200 mila euro, poi 2 milioni. Ma che Regione è una Regione che non sa nemmeno i costi e che decide tre volte una sciocchezza simile, senza poi nemmeno attuarla? E’ chiaro che non si debbano fare, senza accampare scuse tipo la candidatura di Corbelli ( Franco Corbelli, ‘Diritti Civili’ al momento unica candidatura  rimasta per le Primarie Istituzionali, n.d.r). Ed è anche  vero che la Regione deve smettere di prendere in giro i cittadini.

Ci devono dare le elezioni. Se ne debbono andare a casa, subito. Questo è il punto.

 

Il centrodestra sembra avere già un nome da spendere per la presidenza della Giunta Regionale, Wanda Ferro e accusa il centrosinistra di voler in fondo  tempi più lunghi per le elezioni, non avendo ancora scelto il suo candidato…

La verità è che la destra in Calabria ha finito la sua esperienza di governo con la condanna del suo presidente di Giunta: una fine ignominiosa, vergognosa. Il Centrosinistra purtroppo manca di coerenza ed è paralizzato da uno scontro interno al Pd: ci sono troppo settori del Partito Democratico che sono trasversali in maniera negativa con il Centrodestra. La Calabria è in un guaio non solo per gli indici economici e sociali che vanno male, ma perchè c’è molta melma. E anche chi come lei, come me e come altri cittadini vuole muoversi, rischia di finire ulteriormente nel fango.. Questo è il vero guaio per cui anche tanti sindaci, di Centrosinistra e Centrodestra, che cercano di fare come ho fatto io, il mio dovere, rischiano di finire nel fango. Questa melma si chiama Regione. La Regione in Calabria deve essere completamente cambiata, non deve essere più un centro di lussi, sprechi e ingiustizie per i cittadini, ma l’opposto.  Non è facile: io non ho fatto  promesse in questi  mesi, ma mi sto battendo, a volte con il sangue agli occhi, contro le ingiustizie che vedo, i privilegi che mi sembrano assurdi e tutte le cose che in questa regione non vanno.

 

Oltre ai tre nomi ufficialmente in lizza  per la candidatura di coalizione, Mario Oliverio, Gianluca Callipo e naturalmente Gianni Speranza, lei crede possa venirne fuori, a sorpresa, un altro? Magari al termine dei  confronti che state intanto tenendo su tutto il territorio calabrese, magari in nome di una ventilata unità di schieramento da ritrovare?

Guardi, queste è meno importante. Per me quello che conta è che il Centrosinistra sia chiaro sia coerente e vorrei che il Pd la smettesse di essere rinchiuso  dentro questa melma e che l’intero Centrosinistra avesse uno scarto: questo sarebbe un bene per la regione. Io non sono impegnato tanto ad affermare la mia persona, ma sono impegnato perché con il mio contributo – di una persona ch’è sindaco da 9 anni della  più grande città che il Centrosinistra amministra in Calabria,( Lamezia Terme,n.d.r.) con la fatica, con tuti i miei limiti ed i miei errori – ci possa essere un momento di chiarezza positiva per i cittadini. Il Centrosinistra non può sciupare quest’altra possibilità, consentendo al centrodestra di vincere ancora…

Alfonso Scalzo

 

Si Legga :

http://catanzaropolitica.it/verso-le-regionali-oliverio-su-primarie-e-candidature-chiara-la-direzione-nazionale-del-pd-nostra

http://catanzaropolitica.it/elezioni-regionali-tar-devono-essere-indette-entro-10-giorni-domani-conferenza-stampa-associazioni/

 

 

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *