Regione: Tallini, si torni al voto

“Che il Mezzogiorno e la Calabria non siano contemplati nei progetti finanziati con la fase II del Piano Junker può stupire soltanto chi stenta ancora a non comprendere che il premier Renzi oltre agli slogan e i selfie non è in grado di offrire altro a questa parte del Paese. Né questa Giunta regionale è nelle condizioni di imporre il punto di vista della regione più povera a un governo ed ad un’Europa che ubbidiscono soltanto ai poteri forti”.

domenico tallini 2o

Così il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Tallini. “In Calabria Renzi, i suoi plenipotenziari e la Giunta Oliverio, mentre l’Europa finanzia per miliardi di euro progetti solo al Nord, sono intenti a portare in lungo e in largo il Patto per la Calabria, che è come le vacche di Fanfani che destina alla nostra Regione, in gran parte, risorse già precedentemente assegnate con Delibera CIPE. Un Patto vuoto di contenuti. E buono solo per fare campagna elettorale: Renzi lo utilizza per dare visibilità al referendum di ottobre e Oliverio per distrarre l’attenzione dalla batosta avuta a Cosenza”, continua Tallini.

” Il problema vero è che dopo che Mario Occhiuto ha dato al candidato del Pd, al Governo ed al Oliverio e soci quaranta punti di distacco, in Calabria è stato sconfitto non solo un candidato del Pd a sindaco, ma un intero progetto politico che dal 5 giugno non ha più la fiducia dei calabresi”, conclude il consigliere Forzista, “Il governatore ha così conseguito l’obiettivo che si era prefisso fin dal suo insediamento, soltanto che da uomo solo al comando è diventato solo in Calabria.(…) Anche l’operazione – Junker ci dice che la Calabria non conta nulla perché non conta nulla il governo della Regione: che altro deve accadere perché trovino la via di casa al più presto e si torni al voto?”

 

1 Comment

  1. Anna Zampina scrive:

    brrrrrrr, sono tutta un brivido!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *