Ospedale Pugliese: Comitato diffida Scura

 

E’ stato notificato stamattina dal Comitato “Salviamo l’Ospedale Pugliese”, un atto di diffida al Commissario ad acta per la Sanità, Massimo  Scura.

Nel documento,  s’invita lo stesso Commissario  <<a dare esecuzione all’atto prefettizio del 23/12/2015 e alla delibera del Consiglio Comunale di Catanzaro N. 2/2016 e ad astenersi dal compiere alcun atto in contrasto con essi e dal trasferire reparti dall’attuale struttura del Pugliese in altre struttura e ciò anche in virtù dell’assenza di ogni determinazione del Consiglio Regionale>>.

In caso contrario, scrive ancora il Comitato, si << determinerebbe lo smembramento dell’attuale Pugliese, che è attualmente efficiente e funzionante, e la violazione del principio della interconnessione funzionale del reparti medici con violazione del diritto alla salute e all’assistenza sanitaria>>.

ospedale pugliese 13

<<Siamo stati costretti a notificare l’atto di diffida al Commissario Scura in quanto sono insistenti le voci di un imminente trasferimento di reparti dal Pugliese verso altre strutture sanitarie>>, dichiara Francesco Pitaro, presidente del “Comitato Salviamo il Pugliese”, <<se tutto ciò fosse vero vi sarebbe una manifesta violazione dell’atto del Prefetto di Catanzaro del 23/12/2015 e della delibera del Consiglio Comunale di Catanzaro con cui è stato deciso che il Pugliese resta dov’è. Non solo, ma lo smembramento dell’Ospedale Pugliese, con sottrazione di reparti, violerebbe la stessa natura dell’Ospedale Pugliese, che è struttura sanitaria completa, e lo renderebbe incompleto con evidente violazione del diritto alla salute e all’assistenza sanitaria e ciò, ancor di più, perché tutto ciò avverrebbe in assenza di ogni determinazione del Consiglio Regionale che è l’organo politico collegiale che ha competenza esclusiva nella costituzione di nuove aziende sanitaria>>.

<<(..) Nel caso in cui il Commissario Scura dovesse decidere lo spostamento di reparti dal Pugliese verso altre strutture a chiedere l’intervento del Procuratore Gratteri>>, conclude Pitaro, << affinchè quest’ultimo faccia luce sull’intero percorso giuridico/amministrativo e valuti tutti gli atti e le negative e lesive ricadute derivanti dall’eventuale spostamento di reparti dal Pugliese verso altre strutture sanitarie>>.

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *