Giunta: Osservatorio, la sede per riunioni è Catanzaro

 

“Basta con le sedute di Giunta regionale al di fuori di Catanzaro”. E’ l’invito dell’ Osservatorio Per Il Decoro Urbano della stessa città, con una nota del suo presidente, Aldo Ventrici, che pubblichiamo integralmente.

Logo Osservatorio Decoro Urbano

Apprendiamo dalla stampa che il 4 dicembre 2015 il Presidente della Regione Calabria Oliverio ha tenuto una seduta della Giunta Regionale in riva allo Stretto di Messina.

A mente delle norme statutarie e dei regolamenti che individuano, sia per l’organo Esecutivo che per quello Legislativo, quali debbano essere le sedi deputate ad accogliere le relative riunioni e che prevedono che la Giunta non possa essere convocata al di fuori della Città Capoluogo di regione, riteniamo di dover censurare vibratamente il comportamento tenuto dal Presidente Oliverio per questa sua estemporanea, fantasiosa ed irrituale iniziativa che si palesa fortemente lesiva per il ruolo e l’immagine di Catanzaro, città Capoluogo di Regione e sede della Giunta regionale.
Queste “licenze”, che sembrano porsi nel solco di gravi analoghi soprusi perpetrati nel corso delle passate Giunte calabresi, non sono più ammissibili, soprattutto considerando che è stato proprio lo stesso Oliverio, all’indomani della prima seduta di Giunta tenutasi nel luglio 2015 nella nuova ed imponente sede di Catanzaro – della quale attendiamo con ansia la formale inaugurazione ed intitolazione a “Palazzo degli Itali” – a dichiarare testualmente “Oggi è una giornata storica, mi sento onorato e orgoglioso di quest’opera che deve rappresentare plasticamente il cambio di passo per la Calabria. Questa sarà una ‘casa di vetro'”.

Vetro Appannato Regione Calabria

Ecco, Presidente Oliverio, tenga fede alle sue parole e procuri che i vetri della Sede catanzarese della Giunta regionale, da lei metaforicamente evocati, rimangano sempre puliti e trasparenti, ché a noi sembrano già appannarsi.

Aldo Ventrici,
Presidente “Osservatorio Per Il Decoro Urbano Di Catanzaro”

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *