Funicolare: Merante, vertici Amc in discussione? Solo fantasie

 
<<L’apertura della funicolare è un risultato atteso dall’intera città e che appartiene ad un gioco di squadra che ha visto la piena collaborazione tra Amministrazione, Amc e Ferrovie della Calabria. Come tutte le innovazioni, il nuovo e sofisticato sistema di telecontrollo dell’impianto può portare ad iniziali difficoltà, così come è avvenuto nella giornata di lunedì con l’interruzione del servizio per alcune ore. Le perplessità che ho avanzato riguardano solo ed esclusivamente questo aspetto e, naturalmente, non intaccano minimamente il grande ruolo svolto da Amc, dal suo amministratore Rosario Colace e dal già direttore generale Luigi Siciliani, per la definizione di questa importantissima questione>>.

giovanni-merante

E’ quanto dichiarato dall’assessore comunale alla Mobilità, Giovanni Merante, in relazione allo stop temporaneo del servizio di trasporto dei cittadini su funicolare, avvenuto nei giorni scorsi in seguito ad un problema intervenuto sul sistema di automatizzazione. La circostanza aveva aperto la polemica, considerato che la nuova funicolare era stata inaugurata soltanto poche ore prima e in seguito anche ad alcune dichiarazioni rese alla stampa dello stesso Merante, che erano state rilanciate da alcuni consiglieri comunali.

“Avendo io seguito personalmente, su delega del sindaco, il delicato passaggio della funicolare da Ferrovie della Calabria a Amc, posso ben dire che si è trattato di un virtuoso esempio di collaborazione istituzionale”, continua Merante, che poi precisa in merito a quanto riportato dalla stampa: “Nessuno si è mai sognato di mettere in discussione i vertici di Amc, né di richiedere dimissioni di alcuno, come qualcuno fantasiosamente sta dicendo. L’amministratore unico gode dell’incondizionata fiducia del sindaco, di cui è diretta espressione, e dell’Amministrazione comunale, anche in virtù dei risultati ottenuti nel risanamento dell’azienda, nella politica del personale e nel miglioramento dei servizi”.

 

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *