Fondazione Campanella: ex lavoratori chiedono revoca liquidazione

 

Dopo la sentenza del Tribunale di Catanzaro che, riconoscendone il credito, sancisce il dovuto pagamento alla Fondazione Campanella di circa 80 milioni di euro da parte della Regione, interviene con una nota il “Comitato di Coordinamento lotta per il Polo”.

campanella 01
“Chi si prenderà, la responsabilità di non aver portato a termine una transazione, sottoscritta durante la Giunta Scopelliti, che, alla luce dei fatti odierni, non poteva che essere conveniente per la Regione Calabria?”, chiedono gli ex lavoratori della Fondazione, “ (…)Avranno Università di Catanzaro e Regione Calabria nella qualità di fondatori lo scatto di orgoglio dovuto per far rivivere il Centro Oncologico nel quale in questi anni hanno investito ingenti risorse, piuttosto che continuare a sperperare altri fondi pubblici procedendo con l’ ammodernamento del ‘Presidio Ciaccio’?”.
Gli stessi ex dipendenti continuano: “Chi risponderà, del danno erariale che si è venuto a determinare? Chi risponderà dell’inutile chiusura di un Centro Oncologico? Chi risponderà dei licenziamenti di tutto il personale dipendente della Fondazione, che nel frattempo è stato abbagliato da false e facili promesse di ricollocazione, che si sono tradotte in qualche avviso per contratti a tempo determinato per taluni e la disoccupazione per tanti altri? Chi si farà carico di tutte le richieste di risarcimento danni che, a questo punto, inonderanno la Regione?”.
Gli stessi ex dipendenti chiedono al Prefetto del capoluogo di regione “ di revocare la liquidazione della Fondazione Campanella, in quanto venuti meno tutti i presupposti che l’ hanno determinata(…) e che “ gli organi preposti predispongano un piano di ristrutturazione che possa restituire dignità alla Fondazione ed a chi, in questa “Realtà” ci ha messo sempre il proprio impegno”.

 

Foto: una delle tante manifestazioni  pro Fondazione Campanella attuate negli scorsi mesi.

 

1 Comment

  1. Anna Zampina scrive:

    Io sono stata sempre dalla parte dei lavoratori e della Fondazione Campanella, anche quando per l’ennesima volta hanno creduto alle false chimere e all’accordo farsa tra Scopelliti e Quattrone. Il professore Venuta, che tanto ci aveva creduto, si starà rivoltando nella tomba! Solidarietà ai lavoratori e a tutto il corpo sanitario, illusi e bistrattati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *