Delrio in Calabria per la “due mari”. Oliverio, guardare all’insieme del territorio

 

Il ministro per le Infrastrutture, Graziano Delrio ed il presidente della Giunta Regionale, Mario Oliverio, hanno  partecipato alla conferenza stampa per l’inaugurazione del nuovo collegamento tra la dorsale tirrenica e la dorsale jonica. L’ultimo tratto, appena completato, della  statale 280, conosciuta anche come  strada “dei Due Mari”

delrio 01

“Qui siamo nel cuore della Calabria, non solo dal punto di vista geografico ma anche istituzionale ed economico.In quest’area è concentrato, ormai, un complesso di funzioni di notevole e strategica importanza”, ha detto Oliverio,”siamo nell’area dove c’è il policlinico universitario, una struttura di grandissima eccellenza, dove, da settembre, c’è la sede degli uffici regionali, siamo in un’area che sarà servita dalla nuova metropolitana Catanzaro-Germaneto, dove c’è il centro regionale della Protezione Civile e  ch’è uno snodo fondamentale tra la costa ionica e la tirrenica e l’aeroporto di Lamezia. Da questa parte della Calabria noi dobbiamo guardare all’insieme della Calabria perché questo è il nodo centrale di un’ipotesi di sviluppo, non solo di un assetto strutturale della nostra regione, ma di un’idea di sviluppo complessivo della Calabria”

Oliverio ha poi parlato di “visione unitaria nella  possibilità di sviluppo dell’economia e di crescita dei suoi territori” ed ha affrontato il problema scottante della del ruolo, in sostanza, per il capoluogo di regione.

cittadella-regionale-01 bis

“Mi permetto di dire che la Cittadella della Regione a Germaneto non può costituire, e lo dico al sindaco con il quale c’è un rapporto di confronto, un’occasione di svuotamento della città capoluogo, del suo patrimonio storico e culturale, del suo patrimonio urbanistico, delle sue funzioni direzionali, perché Catanzaro è la città capoluogo, magari pensando di fare in modo che qui nasca la nuova Catanzaro e si svuoti il valore storico della Città”, ha detto oliverio, “questo non possiamo permetterlo. Dobbiamo pensare a rilanciare la funzione della città capoluogo e anche a misure  valorizzazione. Perciò il quadro delle infrastrutture è di fondamentale importanza, quindi la metropolitana leggera, per la quale noi abbiamo accelerato il passo, tra il centro di Catanzaro e Germaneto, ha una strategica importanza”, ha detto ancora lo stesso Mario Oliverio, “essa, però, deve essere accompagnata a misure di pianificazione urbanistica che determinano il quadro e le regole di riferimento per l’utilizzazione del territorio. La nuova metropolitana, ch’è uno dei grandi progetti partirà nella primavera prossima. Noi la concepiamo come il terminale di un asse di collegamento con l’area urbana Cosenza-Rende-Università della Calabria. Abbiamo anche dato incarico a Ferrovie della Calabria di fare il bando per uno studio di fattibilità sulla vecchia ferrovia di Catanzaro-Cosenza. A questo, naturalmente, colleghiamo altre funzioni importanti come quelle della città metropolitana di Reggio Calabria”.

oliverio-120 bis

Quindi il Presidente della Giunta Regionale ha evidenziato le priorità per lo sviluppo calabrese: Autostrada, ferrovie, Gioia Tauro che deve diventare la porta dell’Italia e dell’Europa per intercettare i flussi di traffico del Mediterraneo. Poi, l’alta velocità ed infine la statale “106” .

 

1 Comment

  1. Anna Zampina scrive:

    ‘a vucca è na ricchizza! chiacchiari e tabbaccheri e lignu u munta e pietà ‘on ‘nda ‘mpigna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *