“Certi Diritti”: la famiglia non è solo quella eterosessuale…

Dibattiti e confronti della società civile, improntati sulla famiglia come centro di discussione, dovrebbero non limitarsi  a considerare come tali solo i nuclei eterosessuali, ma anche “tutte le altre forme familiari”.

A ribadirlo,  Marco Marchese, responsabile, Osservatorio Politiche di Genere e Pari Opportunità di  Catanzaro e componente di “ Certi Diritti” Calabria, nello scrivere una lettera aperta, prendendo spunto da un convegno incentrato proprio sui temi della famiglia  e tenutosi nei giorni scorsi a Lamezia Terme.

“Le varie formazioni che compongono il tessuto sociale italiano, non sono fra loro contrapposte o alla ricerca di una posizione egemone, semmai fanno a pieno titolo parte della stessa società e spessissimo condividono i medesimi problemi”, sostiene Marchese, “ purtroppo questo è un errore in cui incappa molto frequentemente l’attività convegnistica sulle famiglie, come se il modello eterosessuale sia circondato e sotto attacco da spinte o altri modelli che in realtà non esercitano queste pressioni”.

“Il quadro delle famiglie italiane è una rappresentazione multiforme, per cui possiamo facilmente riconoscere la famiglia formata da una coppia eterosessuale con o senza figli, ed anche quelle non meno importanti di altre formazioni familiari, come quelle basate su una coppia di persone dello stesso sesso, le famiglie di fatto che non possono o non vogliono accedere a istituti giuridici e le famiglie allargate”, sottolinea lo stesso Marchese, ” noi, riteniamo che l’evoluzione della società, non sia composta da forze contrapposte o da formazioni che per definizione occupano uno spazio sociale a scapito di altre formazioni e quindi non crediamo che la multiformità delle famiglie italiane sia composta da attori fra loro in competizione; anzi tutte andrebbero alla stessa maniera studiate, tutelate, valorizzate. Riteniamo inoltre che questa multiformità sia un valore che arricchisce la società e non il contrario”.

 

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *