Category: TOP NEWS

Funicolare di nuovo in corsa. Impianti automatizzati e videosorveglianza

Catanzaro-  Ripartita la funicolare, con la prima corsa inaugurale partita dalla stazione di Piazza Roma, alla presenza del sindaco Sergio Abramo e dell’amministratore unico di Amc, Rosario Colace. Completamente automatizzato, l’impianto è stato restituito alla città dopo il lungo stop obbligato dallo stato di degrado in cui versava. Mutata anche la gestione, dalle Ferrovie della Calabria a Amc.

riapertura-funicolare-4-1

Tante le novità legate ad un sistema di trasporto fondamentale per i collegamenti verso il centro storico che è stato riaperto al pubblico con una giornata di corse gratuite. Realizzati i lavori di automazione.L’intero percorso viene monitorato da una sala di controllo, con l’ausilio di trentasei telecamere di sorveglianza. I tempi di percorrenza si sono ridotti a soli 120 secondi ed è stata riattivata la fermata intermedia “Piano casa”, a richiesta.

riapertura-funicolare-3“Le nuove tecnologie installate” – ha commentato il sindaco Abramo – “hanno consentito di abbattere i costi del servizio e di ridurre, al tempo stesso, anche le tariffe con l’obiettivo di favorirne un maggiore utilizzo, specialmente da parte dei più giovani, nell’ottica di rilancio del centro storico. Inoltre, la futura integrazione della funicolare con la metropolitana di superficie potrà dare ancora più respiro alla città e al suo sistema di mobilità”.

riapertura-funicolare-2Introdotte nuove tipologie di biglietto integrato con tariffe che comprendono la possibilità di utilizzare gratuitamente il parcheggio custodito di Sala senza limiti orari. Al costo di 1 euro 50 centesimi, nell’arco di 90 minuti, si potrà effettuare la corsa Sala-piazza Roma – dal lunedì al sabato, dalle 7.00 alle 21.00 – ed utilizzare autobus o navette che arriveranno fino allo stadio, mentre con il biglietto giornaliero di 3 euro sarà possibile effettuare una corsa di andata ed una di ritorno ed usufruire della navetta. In vigore gli abbonamenti integrati autobus+funicolare: 41 euro (mensile), 20 euro (mensile ridotto per gli studenti) e 12 euro (settimanale).

riapertura-funicolare-1Con la riattivazione dell’impianto, anche la stazione di Piazza Roma si è rifatto il look presentandosi quale nuovo spazio culturale e di aggregazione: ad accogliere i visitatori un grande pannello dedicato a Mimmo Rotella insieme ad una piccola galleria ispirata alle immagini d’epoca della funicolare. L’inaugurazione è stata, inoltre, accompagnata da un allestimento ridotto della mostra di sculture “Forme&Segni” promossa dall’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, alla presenza della direttrice Anna Russo e della docente Cinzia Nania, oltre che degli allievi della scuola di scultura Tania Bellini, Nicola Bevacqua, Francesca De Fazio, Simona Massara e Bruno Schiafone.

 

Riparte la funicolare

 

Una funicolare completamente automatizzata riaprirà domani, sabato 12 novembre.Alle 10.30,a partire da piazza Roma, la prima corsa, che inaugurerà il servizio. Tra i passeggeri, il sindaco,Sergio Abramo e l’amministratore unico di Amc, Rosario Colace.Per l’intera giornata l’utilizzo dell’impianto sarà gratuito per consentire alla cittadinanza di scoprire tutte le novità legate ad un sistema di trasporto essenziale per i collegamenti verso il centro storico. Dopo un lungo stop, determinato dalle condizioni di degrado ereditate dal passato, la funicolare riprenderà finalmente le sue corse da Piè di Sala a piazza Roma.

funicolare-stazione-piazza-romaL’intero percorso è monitorato da una sala di controllo “garantendo i massimi livelli di sicurezza grazie anche all’ausilio di trentasei telecamere di sorveglianza allestite all’interno delle vetture e nelle due stazioni”, specifica una nota di palazzo De Nobili , ” le barriere architettoniche sono state abbattute con i varchi previsti per le persone diversamente abili. Inoltre, con l’automazione si è ridotto a soli 120 secondi il tempo di percorrenza da Sala a piazza Roma ed è stata riattivata la fermata intermedia Piano casa a richiesta”.

Il passaggio gestionale dalle Ferrovie della Calabria a Amc, coincide anche con l’introduzione di un nuovo biglietto integrato, che consentirà, al costo di 1 euro 50 centesimi, nell’arco di 90 minuti, di effettuare la corsa Sala-piazza Roma ed utilizzare autobus e navette. Sarà possibile, inoltre, utilizzare gratuitamente il parcheggio custodito di Sala senza limiti orari.

Rinnovata la stazione di piazza Roma, che si propone anche come spazio culturale e di aggregazione. All’interno sono stati collocati un grande pannello dedicato a Mimmo Rotella, maestro della pop art, ed un altro raffigurante un’antica cartolina della funicolare. La storia dell’impianto rivive, inoltre, attraverso dieci pannelli illuminati con le immagini messe a disposizione dallo storico e giornalista Gianni Bruni. Infine, nei giorni della riapertura, la sala d’attesa ospiterà un allestimento ridotto della mostra di sculture “Forme&Segni”,curata dalla docente Cinzia Nania e promossa dall’Accademia di Belle Arti di Catanzaro e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro con l’obiettivo di divulgare l’attività dei laboratori della scuola di scultura dell’Accademia.

 

Percorsi formativi, scoppia il caso del bando regionale modificato a graduatorie chiuse

 

Un sogno infranto all’ultimo minuto. È l’estrema sintesi dell’epopea toccata a molti giovani, con pregressa esperienza negli ambienti giudiziari, che speravano di poter vivere da protagonista un percorso di qualifica in grado di offrirgli maggiori opportunità lavorative. In palio mille posti e in molti hanno colto al volo l’opportunità data dalla manifestazione d’interesse indetta dalla Regione. In tanti hanno ottenuto un posto utile nella graduatoria definitiva, ma una grossa fetta di loro ha visto sfumare, davvero all’ultimo secondo, quel “posto al sole” che sembrava dovessero soltanto accettare.

cittadella-regionale-01 bis

C’è da dare l’assenso al posto, per una formazione biennale retribuita con 500 euro al mese, attraverso un processo di “logatura”. Qualche minuto ancora davanti a un Pc e poi l’attesa sarà tutta per la bandiera a scacchi che decreterà l’avvio di una nuova avventura tutta da vivere. Almeno questa era la loro speranza perché una clausola non prevista nel bando arriva e fa capolino all’improvviso, bloccando una marcia che sembrava trionfale. Arrivare al traguardo è impossibile, salvo decidere di dichiarare il falso ed essere penalmente perseguibili.

La gioia di tanti percettori in deroga o lavoratori disoccupati con pregressa esperienza formativa negli ambienti giudiziari si sgretola così, dinnanzi a freddi e automatizzati meccanismi informatici. Cinque mesi di documenti prodotti in un clima di perenne attesa, fatta di gioie e soddisfazioni, poi la doccia fredda che arriva, come la più amara delle sorprese, e senza alcuna possibilità di evitarla, per una clausola che impone di aver svolto il tirocinio previsto dalla legge 92 del 2012 e dalla delibera 158 del 2014 approvata dalla Giunta regionale.

Criteri di selezione del bando originale, pubblicato anche grazie alle intese raggiunte dalla Regione con le Corti d’Appello e le Procure generali della Calabria, cambiati, dunque, con un battito di ciglia. Inizia così una battaglia che andrà avanti a suon di avvocati, ricorsi e carte bollate e alla quale chi – è il caso di Raffaela Mercurio che per rivendicare i propri diritti ha scritto proprio alla Regione – si sente vittima di una procedura che ritiene «non corretta né moralmente né giuridicamente» non ha alcuna intenzione di rinunciare. Sfideranno la burocrazia appellandosi agli articoli 1, 4, 6 e 8 della versione originale di un bando nel quale si fa riferimento a “pregresse esperienze formative” che, in fase di registrazione e senza alcuna spiegazione, diventano tirocini formativi.

E purtroppo non è soltanto un gioco di parole. Per i malcapitati la gioia di aver vinto la sfida si scioglie in una sorta di girone dantesco nel quale sembra avere la meglio quella che – per Raffaela Mercurio, ma in fondo per tutti quelli che si trovano nella sua stessa situazione – «è una palese e incostituzionale disparità di trattamento tra chi ha una pregressa esperienza formativa, conquistata sul campo mediante lo svolgimento di mansioni lavorative simili a quelle per le quali si chiede di svolgere il tirocinio, e chi ha partecipato a pregressi tirocini formativi, magari per meno ore o periodi rispetto al lavoratore disoccupato». In sostanza, contestano la scelta di preferire il tirocinio alla pregressa attività lavorativa in mansioni similari. La loro attesa, dunque, continua. Aspettano di capire quali decisioni assumerà la Regione, ma sanno già che l’unica speranza di dipanare la matassa è quella di confidare nel lavoro degli avvocati.

Antonella Scalzi

Catanzaro: a novembre la “nuova funicolare”. Superato collaudo finale

 

Superato il collaudo finale dell’Ustif, per l’entrata in funzione della ‘nuova funicolare”, nel capoluogo di regione, previsto per il primo week end di novembre e dopo un fermo durato circa tre anni.

abramo-funicolare-centraleL’apertura al pubblico avverrà con una giornata di corse gratuite.Tra le novità, tempi di percorrenza,dal parcheggio di Sala fino a Piazza Roma,fermata di Piano Casa a richiesta, bus navette da piazza Roma a piazza Matteotti, biglietto integrato che comprende parcheggio e corse, videosorveglianza affidata a 36 telecamere. Nei prossimi giorni,poi, saranno contrattualizzati gli operatori Amc addetti.

abramo-colace-e-personale-amcIl via libera definitivo dell’Ustif è arrivato al termine di una generale attività di messa a punto dell’impianto a cura dell’Amc, che gestirà la Funicolare per conto del Comune. Con la collaborazione di Ferrovie della Calabria sono state completate le procedure necessarie per la messa in sicurezza, manutenzione generale e ammodernamento tecnologico, per un investimento complessivo di oltre 600 mila euro.

Bruno, 12 milioni per le province calabresi. Scongiurato default, ma occorre nuovo regionalismo

 

Quasi dodici milioni di euro. Sono le risorse che l’Upi Calabria ha ottenuto dopo un duro confronto con il Governo, scongiurando il rischio default prospettato nei mesi scorsi. Permetteranno agli enti intermedi di Catanzaro, Cosenza e Crotone di scongiurare il default, chiudendo i  bilanci e continuando a garantire i servizi al territorio.Senza tralasciare le esigenze di Vibo, purtroppo già in dissesto.

E’ quanto reso noto, in estrema sintesi, dal presidente Upi (Unione Province Italiane) Calabria e della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, nel corso di una conferenza stampa tenuta stamane a Palazzo di Vetro.

canino-bruno-caparello-tomasello “Grazie anche alla collaborazione dei prefetti, ed in particolare del prefetto di Catanzaro Latella, che ringrazio, riusciremo ad approvare i bilanci entro la fine di ottobre, scongiurando i disagi che avrebbe creato un commissariamento, determinato dallo slittamento dei termini per l’approvazione previsti per la fine di luglio”, continua Bruno, ” del resto ricordate la preoccupazione che abbiamo espresso in occasione dei preannunciati tagli di 55 milioni di euro previsti a causa del decreto enti locali che se fossero stati confermati avrebbero fatto precipitare le Province in una condizione di autentico dramma”.

“Nello specifico” – spiega ancora il presidente dell’Upi – “alle tre Province saranno destinati fondi per la manutenzione della rete viaria ex Anas e per le funzioni fondamentali. A Catanzaro andranno oltre 4 milioni e 750 mila euro ed a Cosenza più di 4 milioni e 912 mila euro, mentre Crotone otterrà due milioni e 789 mila euro. Siamo riusciti anche ad ottenere oltre un milione di euro anche per Vibo, che, essendo in dissesto, non avrebbe potuto ottenere risorse”.

Il presidente della Provincia di Catanzaro ha ricordato che l’applicazione della riforma Delrio nell’ambito della riforma costituzionale, al vaglio degli italiani nel referendum del 4 dicembre, fa vivere agli Enti intermedi una fase di transizione e di difficoltà.

“In questo nuovo, difficile e complesso contesto istituzionale e finanziario siamo stati capaci di garantire ai cittadini l’erogazione sia dei servizi fondamentali nelle quattro funzioni di nostra competenza (Viabilità, Edilizia scolastica, Ambiente e Trasporti) che delle funzioni residuali e contemporaneamente, per i dipendenti ha confermato i livelli occupazionali, e garantendo non solo il pagamento degli stipendi ma anche il salario accessorio, anche ai dipendenti impiegati in servizi non più di competenza delle Province”, ha ribadito Bruno “senza dimenticare che abbiamo rispettato il Patto di Stabilità, siamo state tra le prime in Italia ad approvare il nuovo Statuto all’unanimità.

Resta intanto la necessità di definire criteri operativi e modalità applicative delle competenze e delle funzioni fondamentali e non fondamentali delle nuove Aree Vaste alla luce della legge Delrio e della legge regionale 14/2015, proprio per avviare quello che il presidente dell’Upi ha definito “nuovo regionalismo”, con una regionale che stabilisca prima di tutto quante Aree vaste costituire, come perimetrarle.

Catanzaro: al San Giovanni anche Scuola Professioni Legali

Anche la Scuola di Specializzazione per Professioni Legali dell’Università “Magna Graecia” sarà ospitata al Piano terra del Complesso Monumentale del San Giovanni.

L’importante istituzione formativa, 120 laureati, posti a numero chiuso, si aggiungerà ai 35 master e corsi di specializzazione già concordati tra il sindaco Abramo e il rettore Quattrone.

abramo-120 bis

E’ stato lo stesso Abramo a darne notizia, nel corso del suo intervento in Consiglio Comunale, leggendo la lettera inviatagli dal rettore Quattrone e contenente la decisione assunta dal Direttore del Dipartimento Scienze Giuridiche, Luigi Ventura.

Il corso, di durata biennale, è finalizzato alla formazione dei laureati in giurisprudenza attraverso l’apprendimento teorico, integrato da esperienze pratiche, finalizzato all’acquisizione delle competenze necessarie per poter sostenere i concorsi in magistratura e per l’accesso alla professione notarile, nonché per sostenere l’esame di avvocato.

 

Catanzaro città universitaria? Costituito Tavolo permanente Comune-studenti

 

Costituito un Tavolo permanente Comune- associazioni studentesche per individuare le linee guida relativamente al progetto ” Catanzaro città universitaria”.

E quanto deciso nel corso della riunione la seconda su queste stesse tematiche,che il sindaco Sergio Abramo ha tenuto con i rappresentanti degli studenti dell’università Magna Graecia e dell’Accademia di Belle Arti, alla presenza del vicepresidente della Fondazione Umg Rocco Savino.

incontro-universitari-abramo“Ho deciso di fare una serie di incontri con le realtà studentesche del nostro territorio” – ha detto il primo cittadino – “per conoscere direttamente le problematiche quotidiane che incontrano, ma anche per capire quali sono le loro proposte e le loro idee per la crescita dell’università”.
Fra le proposte avanzate dagli studenti, sono emerse: la necessità di individuare degli spazi idonei ad ospitare centri aggregativi sia a Catanzaro centro che nell’area sud (consultazione telematica di riviste scientifiche, biblioteche, salotti, internet point); l’implementazione di corse serali/notturne che faciliterebbe la fruizione delle diverse zone della città da parte degli studenti; strisce blu gratuite per gli studenti; wi-fi zone; istituzione di una “zona franca” per attività commerciali intorno al complesso monumentale San Giovanni; individuazione di alloggi situati in varie zone della città da destinare all’uso degli studenti vincitori di borse di studio; spostamento della facoltà di Farmacia al campus “Salvatore Venuta”; creazione di uno sportello informativo relativo ai servizi e all’offerta dell’ateneo; la possibilità di istituzionalizzare giornate di condivisione identitaria e di approfondimento culturale; aiutare gli studenti Erasmus nel proprio percorso formativo e accademico; istituire le “notti universitarie”.

In precedenza, l’Amministrazione comunale aveva  presentato agli stessi studenti un pacchetto di proposte, tra le quali una card mensile per utilizzare liberamente bus AMC e funicolare, a prezzo speciale; la fruibilità di alcuni parcheggi della città, convenzioni con garage del centro; sconto del 25% su biglietti e abbonamenti al teatro Politeama; 25% di sconto su spettacoli cinematografici e teatrali ;organizzazione di laboratori teatrali per gruppi universitari a cura del Teatro Incanto; utilizzo gratuito, su richiesta, della sala convegni-proiezioni del Museo del Rock, dello spazio espositivo ex Stac, del centro di aggregazione giovanile di via Fontana Vecchia, della sala di registrazione ex Rossi (in attesa di entrare in funzione); mensa centralizzata in galleria Mancuso convenzioni con ristoranti e bar; accesso agli impianti sportivi di pertinenza comunale; convenzioni con le palestre del centro; card per convenzioni con supermercati, negozi di abbigliamento, librerie, multimedia, computer e telefonia; convenzione con “Catanzaro in Rete” per scontistica (almeno 10%) su tutte le attività commerciali e di servizio della Rete  progetto “Prendi in casa uno studente” ,esperienza già avviata in altre città italiane come Milano, Venezia e Bergamo che prevede la coabitazione tra un pensionato autosufficiente e un giovane non residente per condividere alloggio e compagnia. Gli studenti non pagano il fitto della stanza, contribuiscono minimamente alle spese di casa, collaborano con piccoli aiuti e un po’ di compagnia.

 

Morte Ciampi : Abramo, due visite che lasciarono il segno a Catanzaro

 

<<La notizia della scomparsa del presidente emerito della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha suscitato in me un profondo sentimento di dolore e cordoglio per la scomparsa di un grande uomo delle istituzioni che ha sempre dimostrato vicinanza e affetto per la comunità calabrese. Alla tristezza si unisce l’emozione dell’intensissimo ricordo delle sue due visite nella città di Catanzaro, nel corso del mio primo mandato di sindaco, le cui immagini sono ancora bene impresse nella memoria collettiva>>.

Ad affermarlo, il sindaco del capoluogo di regione, Sergio Abramo.

ciampi-abramo

<<Il Presidente Ciampi partecipò nel 2000 ai funerali celebrati nella Cattedrale per le vittime della tragedia de Le Giare trasmettendo all’intera cittadinanza la presenza forte dello Stato sul nostro territorio colpito da un profondo lutto di cui, proprio qualche giorno, è stato commemorato l’anniversario>>, continua Abramo, <<di ben altro registro fu la seconda visita del 5 febbraio 2001 quando il Presidente Ciampi fece ritorno nel Capoluogo per un indimenticabile incontro nella sala del Consiglio comunale a cui seguì la visita al cantiere del Teatro Politeama, alla mostra “Universo Mirò”, in coincidenza dell’inaugurazione del piazzale del Complesso San Giovanni, e all’Istituto Tecnico Agrario Statale “Vittorio Emanuele II”. Due visite che scrissero pagine di storia importanti per la città di Catanzaro a cui il presidente Ciampi era legato da un sincero affetto>>, prosegue il sindaco,<<“nel giorno in cui il Paese perde uno dei suoi uomini più illustri rappresentanti, in grado di dare nuovo vigore ai valori repubblicani e al senso di appartenenza, voglio ricordare le sue preziose parole, pronunciate nella sala del Consiglio comunale, volte a risvegliare le giovani coscienze e a sensibilizzare la società civile e le istituzioni ad unire le forze contro i mali che attanagliano la nostra terra: “I giovani possono cambiare le realtà che sembrano più immutabili, possono curare i mali che sembrano più radicati nella società in cui vivono. Devono osare e avere fiducia nelle loro forze. Ora, io vedo anche in Calabria, anche in questo mio primo approccio alla vostra bella città, vecchia e nuova, costruita sul crinale di colli tra cui si aprono vasti orizzonti, molti segni di una cultura del nuovo, che fa bene sperare. Sento nuovi accenti, e vedo segni concreti di una nuova volontà di fare, di cambiare”. Di seguito, mi fa piacere ricordare anche la dedica scritta da Ciampi nell’Albo d’Onore del Comune di Catanzaro,sottolinea ancora Abramo: “A Catanzaro, città del vento, adagiata su tre colli aperti a vasti panorami, estesa fino al litorale jonico; a Catanzaro, un tempo famosa in Europa per l’arte del velluto, oggi capoluogo, rinnovato nelle sue antiche architetture, di una regione avamposto d’Europa verso il mediterraneo, rivolgo l’auspicio che l’impegno dei suoi cittadini per il progresso della società calabra sia coronato da successo, e il ringraziamento per la calda accoglienza che, a conferma della sua fama di città ospitale, ha voluto riservarmi”.

Catanzaro, apertura nuove attività commerciali : Capellupo, Giglio, Guerriero e Costanzo, la città deve sapere

 

“Alcuni giorni fa avevamo chiesto una Commissione consiliare urgente, pubblica, da svolgere nella sala del Consiglio comunale di Catanzaro perchè fosse registrata e trascritta, alla presenza dei dirigenti competenti e con il Sindaco che avrebbe dovuto relazionare sulla intricata questione dell’apertura di nuove attività commerciali in via Lombardi a Catanzaro. Una questione sulla quale i catanzaresi a tutela della trasparenza dell’agire amministrativo vogliono sapere la verità”.

Lo scrivono, in una nota diffusa alla stampa, i consiglieri comunali Vincenzo Capellupo, Antonio Giglio, Roberto Guerriero e Sergio Costanzo.

comune catanzaro 15

“A quella, richiesta, a distanza di qualche giorno, ha risposto il Sindaco Abramo o meglio dovremmo dire il Ponzio Pilato del comune di Catanzaro con una lettera di poche righe da lui firmata”, ribadiscono gli stessi  consiglieri, ” non una relazione, non una ricostruzione della vicenda o un tentativo di sottrarre il Comune dagli enormi pregiudizi di credibilità pubblica o economici come accadrebbe se le parti in campo facessero richiesta di risarcimento danni contro il comportamento, diciamo strano, del Comune”.

“Poche righe “, sottolineano Capellupo, Giglio, Guerriero e Costanzo : “La trattazione pubblica dell’argomento fra l’altro a carattere esclusivamente gestionale potrebbe compromettere l’attività difensiva dell’Ente attualmente affidata ad avvocato esterno”.

“Stupefacente. Una risposta vergognosa”, insistono i consiglieri, “per due anni il Comune ha fatto tutto ed il contrario di tutto, prima in una direzione, poi in una altra, avviando una guerra tra settori, tra imprenditori, rispondendo a non si capisce quale logica tecnica o politica, spendendo risorse pubbliche per consulenze esterne legali, mettendo a rischio la credibilità e l’immagine del rapporto tra amministrazione e cittadino. Ed ora il Sindaco ovvero il responsabile politico dell’Amministrazione che nomina e assegna ruoli ai dirigenti se ne lava le mani e si tira fuori. E’ quello che ha fatto fino ad ora? Come si è comportato fino ad ora il Sindaco Abramo e la sua Amministrazione? I suoi dirigenti? Possibile che nessuno è mai responsabile? Possibile che il Sindaco faccia sempre finta di non sapere nulla? La politica ed i tecnici hanno vissuto due anni di bipolarismo e questo appare evidente agli occhi dei catanzaresi”.

“Aggiungiamo che per la discussione su Giovino, nonostante ci fosse in corso un giudizio di fronte al Tar, è stato possibile fare una Commissione pubblica nella sala del Consiglio comunale mentre sulla vicenda delle nuove attività commerciali c’è un blocco. Perché? Quali paure? Quali interessi si nascondo dietro questo blocco?”, evidenziano ancora i consiglieri d’opposizione, “la città deve sapere e per questo noi Consiglieri comunali andremo avanti contro questa pessima amministrazione, questa assenza di trasparenza, queste omissioni e questa lesione ripetuta delle prerogative dei rappresentanti eletti e dei diritti dei cittadini”.

Catanzaro, primo giorno di scuola: Abramo, abbiate sempre voglia d’imparare

 

“Non perdete mai la voglia d’imparare e conoscere cose nuove”. E’ quanto ha detto il sindaco, Sergio Abramo, che con l’assessore alla Pubblica Istruzione, Lea Concolino, ha visitato i plessi scolastici “Porto” (Istituto comprensivo Vivaldi) e “Petrucci” (Istituto comprensivo Catanzaro est). Dopo aver augurato tramite le sue pagine social un buon anno scolastico a tutti gli studenti, il primo cittadino oggi ha voluto incontrare il mondo della scuola.

scuole

“Noi puntiamo tutto su di voi” – ha proseguito rivolgendosi ai piccoli allievi – “siete il nostro futuro, la classe dirigente del domani ed è per questo che reputo importante impegnarsi al massimo perché gli edifici che vi accolgono siano confortevoli e consentano un sereno svolgimento delle lezioni”.

scuole-abramo-concolino

“Non facciamo mai troppo” – ha concluso il sindaco – “perché nulla mi appaga abbastanza quando si stratta di soddisfare le esigenze dei giovani della mia città, ma facciamo il massimo e lo dico senza il timore di essere smentito. Sfruttiamo attentamente e al meglio le risicate risorse economiche di cui disponiamo. Tanto è stato fatto e siamo sul punto di raccogliere alcuni frutti dell’immenso impegno che abbiamo dedicato al patrimonio scolastico cittadino, ma tanto ancora c’è da fare e tanto faremo”.

scuole3-1

Almeno un plesso di tutti gli istituti comprensivi, questa mattina, ha ricevuto la visita di un esponente dell’Amministrazione comunale in segno di vicinanza e sostegno “a un mondo” – ha affermato l’assessore Lea Concolino – “che deve essere seguito con scrupolosa cura perché rappresenta il maggiore investimento sociale e culturale per una città”.