Category: TOP NEWS

Catanzaro, pranzo natalizio solidale

 

“Dovremmo riflettere tutti quanti sulla necessità di stare più vicini alle famiglie bisognose, in un momento in cui la povertà è in costante aumento in tutto il Paese”.

E’ quanto detto dal sindaco del capoluogo di regione, Sergio Abramo, nel corso del tradizionale pranzo natalizio con i poveri, tenutosi nei locali della Cattedrale.

pranzo-poveri-2016L’Arcivescovo di Catanzaro-Squillace, Vincenzo Bertolone, ha ricordato che l’evento rappresenta”una sintesi del lavoro quotidiano svolto nelle nostre parrocchie e nelle strutture diocesane, insieme all’amministrazione comunale, per offrire un pasto caldo a chi ha bisogno. Non solo un momento di fraternità, quindi, ma anche un invito a far sì che i sentimenti di solidarietà restino sempre vivi e che ogni giorno ciascuno possa fare qualcosa di buono per gli altri”.

All’iniziativa erano presenti  anche il vicesindaco, Gabriella Celestino, gli assessori Giampaolo Mungo e Rossana Gnasso e la segretaria generale Vincenzina Sica. Poi i volontari, che hanno accolto nella struttura un nutrito gruppo di persone, di diverse etnie, in gran parte assistite dalla Fondazione Città solidale e dalla Caritas diocesana.

 

Catanzaro: il programma natalizio di ” A farla amare comincia tu”

 

Presentato il programma natalizio per il capoluogo di regione, nell’ambito della rassegna ” A farla amare comincia tu”, promossa dall’amministazione comunale con la direzione artistica di Antonio Pascuzzo.

Carmen Consoli, Eman, Simone Cristicchi e il coro dei minatori di Santa Fiona, Patrizia Laquidara, Pier Cortese e Simona Sciacca saranno alcuni dei protagonisti della rassegna che dal 22 dicembre al 5 gennaio animerà il Natale del Capoluogo. A Capodanno, in piazza con l’artista catanzarese Eman, e il gruppo salentino Opa Cupa.

abramo-e-pascuzzo

“Anche in questa occasione ( la rassegna è alla seconda edizione, n.d.r.) abbiamo voluto offrire un cartellone ricco di iniziative”, ha detto il sindaco, Sergio Abramo, ” che si sposa con la più ampia programmazione mirata al rilancio del centro storico grazie alla quale, nei prossimi mesi, si darà nuovo slancio alle attività culturali, economiche e produttive della città. Anche quest’anno il programma dei concerti è caratterizzato dalla scelta di location non convenzionali: da Palazzo de Nobili alla Basilica dell’Immacolata, passando per l’Oratorio della Chiesa del Carmine e la Chiesa di Montecorvino, con l’obiettivo di “aprire” alla cittadinanza alcuni luoghi storici della città per riscoprirne le bellezza e la fruizione.

“Riappropriarsi della propria identità in termini culturali” – ha detto Pascuzzo – “vuol dire anche saper cogliere il talento e la bellezza. Il nostro auspicio è quello di ricreare la stessa curiosità che ha animato lo scorso anno i tantissimi cittadini che hanno partecipato agli eventi riscoprendo il piacere di vivere il centro storico. Allo stesso modo auspico che Catanzaro possa diventare una tappa fissa dei circuiti culturali e artistici nazionali”.

locandina2Ed ecco il Programma della manifestazione:

GIOVEDI’ 22 DICEMBRE, ORE 17:00, Museo del Rock

SIMONE CRISTICCHI presenta il suo libro “Il secondo figlio di Dio”, Modera Nunzio Belcaro. In collaborazione con libreria Ubik

ORE 19:00, Basilica Maria SS. Immacolata,“Gran Concerto di Natale” – Complesso bandistico “S. Maria di Corazzo”.Direttore: M° Francesco Caruso.A cura dell’Associazione Musicale Coro Polifonico SS. Trinità Città di Catanzaro

Corso Mazzini , TAKABUM marching band

ORE 22:00, Auditorium Casalinuovo,SIMONE CRISTICCHI e il Coro dei Minatori di Santa Fiora. Concerto.

VENERDI 23 DICEMBRE

Teatro Politeama, ore 19:00, CARMEN CONSOLI  Concerto

N.B.(In collaborazione con Fondazione Politeama. I biglietti, seppur omaggio, saranno distribuiti in forma nominativa, ogni persona potrà ritirarne max 2, al botteghino del teatro Politeama, da mercoledì 21 fino a esaurimento posti (orari 11:00 – 13:00 / 17:00 – 19:00)

MARTEDI 27 DICEMBRE

ORE 19:00, Basilica Maria SS. Immacolata, MICOL PICCHIONI, Concerto

MERCOLEDI 28 DICEMBRE

ORE 17:00,Nuovo Supercinema, “LITTLE PIER & LE STORIE RITROVATE”, Modera Maria Saveria Ruga – In collaborazione con Nuovo Supercinema e LibreriaUbik

ORE 18:00,Chiesa SS. Rosario,“Stelle di Natale” Ensemble Vocale “Ars Musicae”,direttore: M° Giovanna Massara. A cura dell’Associazione Musicale Coro Polifonico SS. Trinità- Città di Catanzaro.

ORE 21:00,Nuovo Supercinema,PIERCORTESE, concerto

GIOVEDÌ 29 DICEMBRE, ore 18:00, Chiesa del Monte, Coro Polifonico SS. Trinità “Natale in Armonia”. Organo: M° Amedeo Lobello, direttore: M° Giovanna Massara.A cura dell’Associazione Musicale Coro Polifonico SS. Trinità- Città di Catanzaro

ORE 21:00, Oratorio Del Carmine, AWA LY, concerto

VENERDI 30 DICEMBRE

ORE 21:00, Chiesa di Montecorvino, SIMONA SCIACCA accompagnata da Alessandro Chimienti alla chitarra,concerto.

SABATO 31 DICEMBRE – 01 GENNAIO 2017

CAPODANNO 2017, Piazza Prefettura, a partire dalle 00:30, doppio  concerto: OPA CUPA e EMAN. Irruzioni di PEGA ONDA

ORE 4:00,concerti notturni in Comune con SIMONA SCIACCA

LUNEDI 2 GENNAIO

Ore 21:00, Oratorio Del Carmine, FLO, concerto

GIOVEDI 5 GENNAIO

ORE 21:00, Palazzo De Nobili – Aula Rossa Consiglio Comunale

PATRIZIA LAQUIDARA, concerto

 

 

Giunta aggiorna Piano Lavori Pubblici: fino al 2019 risorse per oltre 53 milioni. Approvato programma manifestazioni natalizie

 

Catanzaro – Aggiornato il Piano triennale 2017-2019 dei lavori pubblici. E’ tra le decisioni assunte dalla Giunta comunale, presieduta dal sindaco Sergio Abramo.

Catanzaro - panorama 1Corposo il capitolo riservato agli interventi nelle aree degradate che, per il 2017, ammonta a 17 milioni di euro. Altra fetta importante viene assorbita, sempre nel 2017, per le manutenzioni per le quali sono state previste somme che ammontano a sette milioni di euro. Spicca anche il potenziamento della rete idrica (3 milioni di euro) e della rete fognaria(2 milioni di euro). Sarà potenziata anche la rete di illuminazione pubblica(450 mila euro).Sempre nel 2017 saranno investiti 800 mila euro per la manutenzione e l’adeguamento sismico della scuola elementare del quartiere Aranceto. Stessa cifra per l’efficientamento energetico della scuola Murano, mentre 550 mila euro sono stati destinati per il centro della scolarizzazione e l’infanzia, 800 mila euro per l’adeguamento strutturale e l’efficientamento energetico della scuola di via Molise. Per il 2017, dunque, è prevista una disponibilità finanziaria derivante da entrate con destinazione vincolata per legge di 25 milioni 693 mila euro, mentre 7 milioni 181 mila euro sono gli stanziamenti di bilancio. In totale, 32 milioni 874 mila euro. Nel 2018 le risorse disponibili ammontano a 11 milioni 117 mila euro; per il 2019 la spesa prevista è di 9 milioni 408 mila euro.

L’esecutivo ha anche accolto la proposta di aggiornamento del piano degli obiettivi 2016/18 e dell’annualità 2016. Formalizzata l’adesione al Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese (SPID) al fine di consentire loro di poter accedere a tutti i servizi  on line del Comune di Catanzaro con un’unica identità digitale.

Licenziato il programma delle manifestazioni natalizie,curato da alcune associazioni locali, che integra il calendario di iniziative previste nel centro storico nell’ambito del progetto “A farla amare comincia tu”.

 

Referendum: Renzi verso dimissioni. In Calabria e a Catanzaro alto numero di “No”. In che misura voto ‘sganciato’ dai partiti?

 

Una valanga di “No” al referendum sulla riforma della Costituzione. Il premier, Matteo Renzi, travolto dal voto del 4 dicembre, nel pomeriggio presiederà una riunione del Consiglio dei Ministri  e poi si recherà al Quirinale per rassegnare le proprie  dimissioni nelle mani del Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

renzi 023

Una  sonora bocciatura dagli elettori, dunque, per la riforma voluta dal Governo Renzi. Ampia la partecipazione alle urne, con medie alte di votanti anche in Calabria.

Nel dettaglio, ha votato complessivamente ( Italia + voto all’estero) il  65,47%  degli aventi diritto, con un “Si” attestato a quota 40,89% (13.432.208 consensi)  ed un  “ No” al 59,11% ( 19.419.507).

Se si considera soltanto il territorio nazionale, i votanti sono stati 68,48% degli aventi diritto, con il 40,05% dei consensi al “ Si” ed il 59,95% al “No”.

In Calabria, affluenza  alle urne sicuramente più bassa rispetto al dato nazionale, anche se la media resta comunque significativa: hanno votato il 54,43% degli elettori. Il 32,98% si è espresso a favore della riforma, il restante 67,02% decisamente per il “No”. Anche la Provincia di Catanzaro, con il suo 56,71% di votanti si è collocata abbastanza lontano dalla media nazionale. Qui i “ Si” hanno raggiunto il 33,83% ed i “No” il 66,17%.

Più alta, ma sempre lontana dalla  media nazionale, la media votanti nella sola città di Catanzaro: 58,51%. Il “Si” ha raggranellato il 30,25% dei consensi ( pari a 12.863 voti), il “ No”, invece, a quota 69,75 % (29.658 consensi).

Ma il voto calabrese  ed anche catanzarese, sia in provincia che in città, si caratterizza per l’ampio consenso riservato ai “No”, con percentuali, come si può osservare, ben più alte rispetto alla media nazionale e complessiva, di oppositori alla riforma costituzionale.

I commenti e gli interventi politici dei  leader dei diversi partiti, nelle prossime ore, potranno forse meglio chiarire l’apporto in termini di partecipazione al voto che questi stessi schieramenti sono stati in grado di garantire. Si comprenderà anche meglio, di conseguenza, quale sia stato invece l’apporto al risultato referendario di elettori che si sono recati alle urne per una scelta di campo, a prescindere da quale, spontaneamente, senza dover necessariamente rientrare in logiche suggerite dai partiti medesimi. Se quest’ultimo dato  dovesse risultare di considerevole entità e considerata la materia per la quale si era stati chiamati alle urne  – la riforma della Costituzione non è certamente argomento di facile fruizione – si potrà anche ragionare,anche in questa regione, su una nuova  “ maturità” da parte dell’elettorato della quale occorrerà tener conto anche nelle prossime  consultazioni  elettorali.

Alfonso Scalzo

Referendum: al voto anche 73 mila elettori catanzaresi

Le consultazioni elettorali si svolgeranno  domenica 4 dicembre,dalle ore 7.00 alle ore 23.00. Elettori chiamati ad esprimersi  relativamente al referendum costituzionale, recante “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”.

scheda-referendum-fac-simile

Complessivamente, il corpo elettorale su tutto il territorio nazionale è formato da 46.714.950 elettori cittadini, 22.465.280 maschi e 24.249.670 femmine. Devono naturalmente essere sommati anche i 3.995.042 elettori aventi diritto al voto per corrispondenza all’estero.

Nello specifico, sanno 73133 le elettrici e gli elettori catanzaresi chiamati alle urne domani.Potranno votare per la prima volta 403 elettori, 208 donne e 195 uomini. Rispetto al referendum dello scorso 17 aprile, sono chiamati alle urne 107 elettori in meno, in quanto in quell’occasione gli iscritti alle liste erano complessivamente 73.240.

I  dati relativi al capoluogo di regione, sono stati forniti dall’ufficio elettorale di Palazzo De Nobili, coordinato da Franco Catanzaro e diretto da Antonino Ferraiolo.

Novanta i seggi allestiti, sei i seggi speciali, dieci quelli cosiddetti volanti, cioè in strutture sanitarie con meno di cento posti letto.

Un esercito di 279 scrutatori più 12 scrutatori di seggio speciale, 96 presidenti di seggio e 90 segretari dovranno garantire la funzionalità delle operazioni elettorali all’interno delle sezioni elettorali.

Impegnato anche un adeguato numero di dipendenti comunali tra vigili urbani, personale dell’ufficio tecnico, dell’ufficio anagrafe ed elettorale e di vari altri settori di palazzo de Nobili. ttivo anche il servizio rilascio duplicati tessere elettorali negli sportelli del palazzo Comunale e delle circoscrizioni di Catanzaro Lido e Santa Maria.

I cittadini residenti che per un qualsiasi motivo sono sprovvisti di tessera elettorale o che abbiano esaurito gli appositi spazi posti sul retro delle tessera, potranno rivolgersi agli uffici decentrati di Santa Maria e Catanzaro Lido che saranno aperti nella giornata di domenica dalle ore 7 alle ore 23.

L’ufficio elettorale ricorda che la tessera o il duplicato elettorale potranno essere rilasciati esclusivamente all’intestatario del documento. Nel caso la richiesta riguarda di rilascio del duplicato è necessario che l’interessato ne motivi l’istanza. Nei casi in cui l’intestatario fosse impedito a ritirare personalmente la tessera o il duplicato potrà demandare, per iscritto, il compito ad altra persona. In questo caso all’atto di delega dovrà essere allegata copia del documento di identità dell’intestatario della tessera.

Le operazioni di spoglio inizieranno subito dopo la chiusura dei seggi

La collocazione di tutte le sezioni è rimasta invariata rispetto alle ultime consultazioni. Per informazioni : Ufficio Elettorale comunale,0961 881274 / 275.

Ex ospedale militare: firmata convenzione a Roma

foto-accordo-ex-ospedale-militareSottoscritta a Roma la convenzione tra Comune di Catanzaro, ministeri di settore, Agenzia del Demanio, relativamente alla struttura dell’ex ospedale militare. L’immobile ospiterà la sede delle Procure.

“Una pagina di buona amministrazione”. Così il ministro della giustizia Andrea Orlando ha definito la sottoscrizione. Il documento sancisce che, quando l’ex Ospedale militare sarà completo ed agibile, lo stesso sarà concesso in comodato gratuito per 99 anni al Ministero della Giustizia, con oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria a carico di quest’ultimo, per destinarlo a nuova sede degli uffici giudiziari di Catanzaro. In particolare, per come indicato dalla conferenza permanente istituita presso la Corte d’Appello del Capoluogo, saranno allocati all’ex ospedale militare la Procura della Repubblica, gli uffici formazione e ragioneria della Corte d’Appello, il Commissariato per la liquidazione degli usi civici della Calabria. Come già determinato dal Consiglio comunale, sarà inoltre garantito l’utilizzo del Chiostro da parte della cittadinanza, per fini culturali e nei fine settimana e senza interferire con le attività degli uffici giudiziari,  preservandone le caratteristiche architettoniche e storiche.

I ministri Orlando e del Rio hanno confermato la sussistenza delle risorse occorrenti per la ristrutturazione (11 milioni di euro) e per arredi e tecnologie (4 milioni di euro). L’assessore al patrimonio Filippo Mancuso, che rappresentava alla riunione il sindaco Abramo, ha ribadito tra l’altro la piena disponibilità dell’Amministrazione comunale a velocizzare al massimo le procedure burocratiche per la realizzazione dei lavori. Orlando ha inoltre evidenziato come la nuova struttura di Catanzaro consentirà di intensificare e potenziare la lotta alla criminalità organizzata.

“Ha preso finalmente corpo” – ha commentato il sindaco, Sergio Abramo – “la nostra visione di realizzare nel cuore di Catanzaro una vera e propria cittadella giudiziaria che avrà come perni l’ex ospedale militare, il palazzo di giustizia storico “Salvatore Blasco” e la nuova ala del tribunale “Ferlaino”. Una più complessa operazione che consentirà di realizzare due importanti obiettivi: garantire la maggiore efficienza dell’apparato giudiziario e dare seguito al percorso di rivitalizzazione del centro storico”.

ospedale militare 02L’ex ospedale militare  si estende su quasi 4mila metri quadrati coperti e altrettanti esterni, articolato in un corpo centrale e altri  autonomi. E’ strutturato anche con  ampi cortili e giardini, laboratori e servizi, uno storico chiostro e la possibilità di realizzare vari accessi e parcheggi. Il corpo centrale ospitava gli studi medici, i laboratori di radiologia e di analisi, la mensa, le stanze degli ufficiali medici, gli uffici amministrativi, la cappella, gli alloggi delle suore.

Il complesso  era stato chiuso nel 2005 , a seguito del riordino del comparto sanitario militare.

“Particolare cura è stata riservata al recupero dello storico chiostro dell’Osservanza, autentico gioiello del XV secolo che sarà, in tal modo, restituito alla fruizione pubblica”, si legge in una nota di palazzo De Nobili, “il complesso dell’Osservanza fu infatti realizzato nella seconda metà del Quattrocento in parte con i materiali recuperati dalle macerie del castello dei Ruffo”, prosegue la stessa nota, ” il chiostro appare come un interessante episodio di architettura monastica, con un suo modulo di ascendenza gotica, che trova altri esempi in Calabria, come il chiostro dell’Annunziata a Tropea: è perfettamente quadrato e presenta venti arcate acute su pilastri semplici di tufo”.

 

Catanzaro, Mobilità: in arrivo inversione circolazione auto su corso Mazzini e tariffe per strisce blu dimezzate

 

mappa-piano-trafficoTraffico su corso Mazzini che procederà dal Cavatore verso Bellavista, cioè in senso opposto a quanto avviene finora. L’uscita dal corso stesso sarà per Porta Marina. Invertita la circolazione dei veicoli anche su via CarloV e via Italia, proprio in funzione di un accesso facilitato al corso.

Le nuove disposizioni entreranno in vigore, da quanto comunicato dall’Amministrazione comunale, entro fine febbraio, dopo che saranno terminati i lavori della gara prevista per l’installazione della nuova segnaletica e degli arredi nel centro storico.

??????????????

Presentato, a Palazzo de Nobili, il nuovo piano della mobilità del centro storico: ad illustrarne i dettagli sono stati il sindaco Sergio Abramo e l’assessore alla mobilità, Giovanni Merante, affiancati dal vicecomandante della Polizia locale, Amedeo Cardamone, e dal tenente colonnello Salvatore Furriolo.

La definizione del piano, dopo  un confronto volto a recepire istanze e necessità di commercianti, organizzazioni sindacali e associazioni. L’obiettivo che ha caratterizzato i lavori di ridefinizione della viabilità, tenendo in considerazione i flussi di traffico del centro storico, è stato quello di rendere accessibile Corso Mazzini da Piazza Matteotti, porta naturale di accesso.

“Il nuovo piano” – ha commentato il sindaco Abramo – “è stato stilato a fronte delle numerose richieste pervenute negli ultimi mesi e si inserisce in un percorso volto a rendere più agevole la viabilità e l’accesso nel centro storico. Dopo la riattivazione della funicolare, è previsto a breve la messa in funzione dell’ascensore che renderà fruibile il parcheggio di Bellavista anche per i portatori di handicap. Sono convinto che il futuro sistema metropolitano contribuirà a dare ancora più linfa alla mobilità cittadina”.

L’assessore Merante ha aggiunto che il nuovo piano della viabilità nasce con l’auspicio di favorire una maggiore pedonalizzazione del centro storico.

“Di concerto con l’Amc” – ha sottolineato lo stesso Merante – “saranno predisposti nuovi percorsi per ogni fascia di età e attivati bus navette aggiuntivi con tempi di percorrenza di 8 minuti da Piazza Roma e ritorno. Inoltre, è previsto il dimezzamento delle tariffe per le strisce blu tenendo conto della necessità di dissuadere i cittadini dal parcheggio selvaggio e di salvaguardare le casse dell’Amc. Anche i diversi colori dei pass saranno aboliti, cosicché i residenti potranno parcheggiare liberamente con un unico pass nel centro”.

Catanzaro: ore di lavoro per ripulire una discarica abusiva. Abramo, non si possono tollerare certi gesti

Oltre cinque ore di lavoro.Ripulita la discarica abusiva sorta in contrada Cuturelle, nel quartiere Gagliano. C’era di tutto, anche elettrodomestici di ogni tipo, abbandonati.

cuturelle-discarica“E’ una vera e propria battaglia contro l’inciviltà, ma con la fermezza e la  collaborazione dei cittadini la vinceremo”. Ad affermarlo, il sindaco, Sergio Abramo.Gli operatori della Sieco, utilizzando i mezzi meccanici, hanno rimosso quintali di ingombranti e rifiuti di ogni genere. La discarica abusiva di “Cuturelle” era stata segnalata da molti cittadini. Si tratta dell’ennesimo ammasso di rifiuti sorto nel quartiere Gagliano, ma altri se ne formano puntualmente in altri punti della città a causa dell’inciviltà di persone che non rispettano le regole.

“Se si tollerano certi gesti e non ci si indigna” – ha affermato Abramo – “questi atti rischiano di moltiplicarsi.(…) Stiamo riflettendo su quali possano essere le soluzioni più adeguate a garantire che discariche come quelle viste finora non possano più formarsi. La polizia municipale, con i pochi agenti disponibili, fa quel che può”.

cuturelle-discarica-01L’Amministrazione comunale ricorda che, contattando il numero verde 800 86 29 86 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30; il sabato dalle ore 9 alle 13, è possibile concordare il ritiro gratuito a domicilio dei rifiuti ingombranti. In alternativa, sono attivi, per il conferimento di ingombranti, metalli e potature, oli e grassi commestibili, pile e batterie, raccolta raee, inerti da piccole demolizioni, i diversi punti di raccolta: Catanzaro nord (parcheggio cimitero di via Paglia) attivo il lunedì dalle ore 7 alle 12 e il mercoledì dalle 14 alle 19; Catanzaro centro (parcheggio funicolare) attivo il sabato dalle 14 alle 19; Catanzaro sud (area Teti) attivo il martedì dalle ore 14 alle 19 e il venerdì dalle 7 alle 12; viale Isonzo 222 (dietro stazione servizio Eni) attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 12.

Nello specifico, possono essere conferiti in tutti i punti di raccolta armadi, mobili vari, cornici, tavoli, sedie, divani, materassi, reti, imballaggi in legno, lavatrici, frigoriferi, congelatori, monitor, pc, radio, forni, componenti elettriche ed elettroniche. Mentre possono essere conferiti solamente nel punto di raccolta di viale Isonzo 222, inerti da piccole demolizioni, oli e grassi commestibili, cartucce e toner esausti, pile e batterie, sfalci e potature (fiori recisi, sfalci d’erba, ramaglie, foglie…). Gli utenti possono conferire solo alla presenza del personale incaricato dalla Sieco Spa.

Catanzaro capoluogo: Abramo, consiglieri regionali Pd contrari alla proposta di legge? Niente polemiche, ma andiamo avanti

“Prendo atto della contrarietà dei consiglieri regionali del PD alla proposta di una legge speciale per Catanzaro da me proposta in uno spirito istituzionale ed unitario. Mi stupisce molto, in verità, la posizione del presidente della Provincia Bruno che appena due mesi fa aveva rilanciato la proposta di una Legge speciale per il Capoluogo, oggi dallo stesso ritenuta intempestiva e inopportuna”.
E’ quanto dichiarato dal sindaco, Sergio Abramo che ha incontrato i consiglieri regionali eletti nella circoscrizione Calabria Centro (Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia) per illustrare loro la bozza di una Legge speciale per Catanzaro capoluogo.

comune catanzaro 08
Alla riunione, tenutasi in mattinata a Palazzo De Nobili, hanno partecipato i consiglieri regionali Arturo Bova, Enzo Ciconte, Sinibaldo Esposito, Michele Mirabello, Vincenzo Pasqua, Flora Sculco e Domenico Tallini, il presidente del Consiglio comunale di Catanzaro, Ivan Cardamone, il capo di Gabinetto della Provincia, in rappresentanza del Presidente Bruno, Giuseppe Tomasello.
Nel corso dell’incontro Abramo ha specificato i dettagli della bozza legislativa per Catanzaro capoluogo, che è mirata a tutelare – ha ribadito – le legittime esigenze e la dignità della città: in base allo Statuto regionale il Consiglio comunale, che verrà chiamato a valutare e votare il documento dopo la necessaria discussione della Conferenza dei Capigruppo, può licenziare un disegno legislativo da portare, subito dopo, all’attenzione del Consiglio regionale.
I consiglieri regionali si sono riservati di discutere la proposta nelle sedi istituzionali e di partito opportune.
“Quella di questa mattina, soprattutto per il qualificato apporto venuto dai consiglieri espressione delle province di Crotone e Vibo Valentia, è stata una bella occasione di confronto sulla prospettiva di sviluppo dell’Area Centrale della Calabria e sull’esigenza di rafforzare il ruolo di Catanzaro. Una Calabria forte ha bisogno di un Capoluogo forte”, ha aggiunto Abramo, “non intendo fare polemica perché la gente è stanca di risse e di contrapposizioni. Noi faremo proseguire alla legge speciale il percorso istituzionale che abbiamo avviato, senza rincorrere nessuna primogenitura, ma ricercando le ragioni dell’unità e della sintesi tra tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale e in Consiglio regionale.”

Catanzaro capoluogo: Abramo discute con i consiglieri regionali il disegno di legge speciale

Riaffermazione del ruolo di Catanzaro quale capoluogo della Calabria, anche attraverso la presenza di importanti strutture di amministrazione pubblica. Senza dimenticare la realizzazione del sistema metropolitano Catanzaro-Lamezia, all’interno di un’ Area Vasta che crei una maggiore interazione  anche tra lo stesso capoluogo, Soverato e l’area ionica.

Catanzaro panorama3Nel disegno di legge speciale per Catanzaro capoluogo, che sarà presentato domani, lunedì 14 novembre, ore 11,00 a palazzo De Nobili – nel corso di una riunione convocata dal sindaco, Sergio Abramo, con tutti i consiglieri regionali eletti nella circoscrizione centrale della Calabria, Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia- previsti pure altri punti qualificanti . A partire “dall’adeguamento e potenziamento della dotazione dei servizi e delle infrastrutture materiali ( porto, strade, collegamenti ferroviari, aeroporto) ed immateriali (banda larga, servizi alle imprese), sia per creare nuove attività produttive, utilizzare le migliori energie e professionalità giovanili, attrarre nuovi talenti e nuove imprese ad alto valore aggiunto”. Al centro dei lavori l’affermazione del ruolo di Catanzaro quale città dell’Università e della Conoscenza, attraverso il potenziamento delle facoltà, dei centri di ricerca e la realizzazione di nuove strutture al servizio della scienza e della cultura e il  “riconoscimento di Catanzaro quale Città della Buona Sanità e della Ricerca Medico-scientifica, attraverso la realizzazione del nuovo complesso ospedaliero e la creazione di un sistema sanitario pubblico/privato di eccellenza, imperniato sull’ospedalità pubblica, sul Policlinico universitario, sui centri di ricerca di medicina e farmacia dell’UMG, sulle strutture dell’ospedalità privata”.

Sono tra le voci che saranno illustrate nel corso della presentazione del medesimo disegno di legge, unitamente alla necessità di valorizzare le risorse tipiche del territorio,del patrimonio storico e del turismo.

Invitati all’incontro, i consiglieri Flora Sculco, Michele Mirabello, Vincenzo Pasqua, Antonio Scalzo, Enzo Ciconte, Arturo Bova, Mimmo Tallini, Baldo Esposito, Giuseppe Mangialavori e Nazareno Salerno. Sarà presente anche il presidente della Provincia, Enzo Bruno, che recentemente aveva sottolineato l’esigenza di un provvedimento legislativo a favore del Capoluogo.

abramo-e-cardamoneIl sindaco Abramo e il presidente del Consiglio comunale Cardamone avevano già presentato nei giorni scorsi l’iniziativa legislativa il cui iter sarà avviato – ipotesi prevista dallo Statuto regionale – dal Consiglio comunale del Capoluogo. Il disegno di legge, una volta licenziato dal Consiglio comunale, passerà al vaglio delle Commissioni consiliari regionali e infine dell’Assemblea di Palazzo Campanella.