Category: NEWS

Catanzaro: 20 milioni per il porto di Lido

Venti milioni di euro per il completamento del porto di Casciolino, nel quartiere Lido di Catanzaro. Sono quelli  destinati alla struttura dal “Piano per il Sud” e attualmente disponibili all’uso, nelle casse regionali. A darne notizia al sindaco del capoluogo di regione, Sergio Abramo,la dirigenza generale dell’assessorato  regionale ai Lavori Pubblici.

I finanziamenti serviranno per gli interventi relativi ai fronti di accosto e per la  riqualificazione delle aree limitrofe  a  servizio dell’infrastruttura. Secondo quanto si legge in una nota  dell’Ufficio  Stampa del Comune di Catanzaro,”attraverso questo intervento, il porto di Catanzaro Lido, con i suoi 385 ormeggi, diventerà uno degli approdi più importanti della costa jonica, certamente il più importante nel tratto da Crotone a Roccella”.Nella stessa nota si ribadisce come il sindaco Abramo abbia ” sottolineato il ruolo svolto dal presidente della Regione, Scopelliti per l’inserimento del porto di Lido nel Piano per il Sud”.

Tra gli interventi previsti dal progetto esecutivo,redatto dall’Ufficio delle Opere Marittime per la Calabria, la  realizzazione di  una darsena destinata alle imbarcazioni da pesca,di un motoscalo per la manutenzione delle imbarcazioni e di una serie di altre strutture destinate a garantire il pieno funzionamento del porto.

Importanti anche le strutture edilizie previste,tra le quali la  sede della Capitaneria di Porto,edifici per attività commerciali e torre di controllo.Oltre ai necessari impianti di illuminazione, saranno poi attivate strutture di salvaguardia ambientale,che comprenderanno,tra l’altro, i trattamenti necessari per la tutela della qualità delle acque  e del paesaggio costiero.

Su altro versante, la stessa dirigenza dell’ assessorato regionale ai Lavori Pubblici,ha assicurato che entro la fine di settembre sarà finanziato il Contratto di Quartiere II che consentirà, tra l’altro, di eseguire l’adeguamento strutturale di alcune importanti scuole del X circolo.

 

Infine,migliorie sotto l’aspetto estetico- cui si riferisce l’immagine sopra- sono state apportate al parcheggio di Bellavista,da lunedì scorso a disposizione dei cittadini, gratuitamente.Ad eseguire i lavori La “Catanzaro Servizi”. Il parcheggio è dotato di circa 120 piazzole di sosta  per le automobili e collegato a corso Mazzini,nel pieno centro storico, da alcune rampe di scale.Entro fine anno,si spera,l’installazione dell’ascensore panoramico.

 

Catanzaro : tra carenze idriche e traffico

Disagi nel capoluogo di Regione. Da stamattina manca l’acqua in diversi quartieri a causa di una perdita sulla condotta regionale collegata all’impianto Santa Domenica. I lavori sono in corso e dovrebbero riportare la situazione alla normalità in nottata. Le aree cittadine interessare, quelle di Siano, Santa Domenica, San Leonardo, Mater  Domini e Gagliano.

Intanto,vertice a Palazzo de Nobili presieduto dal sindaco Sergio Abramo sui problemi del traffico cittadino causati dalla chiusura di via Italia. Il provvedimento si era reso necessario,a causa di lavori in corso sull’arteria viaria in seguito al rifacimento di un vecchio tratto fognario,che  rischiava di provocare infiltrazioni pericolose nel terreno e rischi di infezioni.

Nel corso dell’incontro  è stato deciso d’ invertire il transito su via  Sensales, via Raffaelli,  via Ciaccio e via Poerio  per evitare il congestionamento di corso Mazzini . Via Italia,dovrebbe invece riaprire il 17 settembre prossimo.

 

Attentato alla “Caffè Guglielmo”: la politica catanzarese,restituire serenità agli operatori industriali della fascia jonica

Anche la politica catanzarese interviene sulla vicenda relativa all’attentato incendiario contro due automezzi della “Caffè Guglielmo”,un marchio noto non soltanto nel capoluogo di regione. Tra le posizioni espresse,i comunicati a firma dei vari rappresentanti politici dei gruppi consiliari crescono a vista d’occhio,quella del sindaco,Sergio Abramo. Il primo cittadino,dopo aver ricordato la grande tradizione imprenditoriale della “Caffè Guglielmo”, ribadisce che è “necessario vengano individuati al più presto gli autori dell’attentato, per restituire serenità e certezze agli operatori industriali e commerciali del litorale jonico che, evidentemente, subiscono la pressione di gruppi criminali”.

Sulla vicenda interviene anche Salvatore Scalzo,capogruppo Pd in consiglio Comunale. “Nella convizione che la Gugliemo s.p.a e i suoi amministratori non si faranno in alcun modo intimidire da tale spregevole gesto”-scrive in una nota Scalzo- ” non posso che unirmi all’appello rivolto a tutte le istituzioni preposte affinchè venga ristabilito il principio di legalità in un territorio, quello della provincia catanzarese, che negli ultimi mesi è stato teatro di un’escalation criminale che rischia di minare le basi della convivenza democratica”.

Valle del Corace: Abramo,una governance unica che produca anche lavoro

L’idea è quella di riunire in un consorzio, sindaci,associazioni  dell’Industria ,del Commercio e dell’Artigianato per sfruttare al meglio le potenzialità dell’area. E’ quanto scaturito da un incontro,tenutosi in Confindustria,a Catanzaro,tra i primi cittadini dei comuni interessati e i rappresentanti delle categorie produttive. Obiettivo,quello di produrre occupazione,soprattutto giovanile.Il problema com’è stato osservato durante l’incontro, è che non potranno essere sfruttati i finanziamenti previsti dal “Piano di Città” messo a punto dal governo centrale, in quanto il provvedimento governativo sovvenziona solo progetti immediatamente cantierabili,mentre per la governance della Valle del Corace siamo solo alla fase iniziale di discussione.

L”obiettivo individuato da sindaci e associazioni,però, sostiene il sindaco di Catanzaro,Sergio Abramo,” potremo realizzarlo ugualmente, intanto definendo la struttura e la forma associativa del consorzio, poi chiedendo alla Regione Calabria di sostenerci nella fase progettuale”.

Parcheggi: riecco Bellavista, si utilizzerà gratuitamente fino a….

Sono 120 posti auto disponibili nell’area immediatamente limitrofa al centro storico.Da lunedì e fino a quando non sarà realizzato  il previsto ascensore,potranno essere fruiti gratuitamente.Finora, a sostare nell’area parcheggio  di Bellavista,sempre gratuitamente,per la verità,erano state soprattutto erbacce. Una situazione di degrado insostenibile,tanto più per la sua posizione  rispetto al centro cittadino. Intanto,mentre si procede con i lavori di bonifica,si pensa d’indire la gara per l’acquisto dell’ascensore  (attraverso i fondi Pisu) entro il 31 ottobre.Da notare che,nonostante l’incuria del luogo, a terra campeggiavano allegramente le “strisce blu” dei parcheggi a pagamento,accompagnate dalle macchinette per l’acquisto dei tickets.

Nei prossimi giorni si tenterà di sistemare l’area con la messa in opera dei lampioni per l’illuminazione e di spazi verdi ordinati. Si tenterà ,inoltre,di potenziare e modernizzare parcheggi cittadini già esistenti,quali Politeama e  Musofalo,o di realizzarne di nuovi nel perimetro centrale della città.

 

Scuola: Passafaro,dove sono finiti i finanziamenti destinati al “Contratto di quartiere”?

Si annunciano disagi e  situazioni di precarietà,per le scuole cittadine. Il nuovo anno scolastico,l’avvio è ormai alle porte,non inizia sotto un buon auspicio. A sostenerlo,il consigliere comunale del Pd, Francesco Passafaro, che punta il dito contro Comune e Regione,colpevoli di gravi ritardi nel settore.” Particolarmente drammatica risulta la situazione delle scuole del X circolo che, senza gli interventi già inseriti nel programma “Contratto di Quartiere II”, non sembrano in grado di soddisfare la domanda e garantire la piena sicurezza e agibilità”, sostiene Passafaro.

Il Partito democratico aveva già sollecitato le attenzioni politiche in  una interrogazione presentata in Consiglio Comunale circa due mesi fa,senza ottenere risposte soddisfacenti. Lo stesso Passafaro fa poi riferimento al programma del “Contratto di Quartiere II,” varato dalla giunta Olivo e che prevedeva importanti opere a favore delle scuole della zona sud della città.Tra gli interventi programmati,insiste il rappresentante del Pd, “c’erano la manutenzione straordinaria e il risanamento strutturale della scuola materna ed elementare di Corvo, della scuola elementare Aranceto e della scuola materna ed elementare di Passo di Salto, nonché della scuola media Casalinuovo”.

“Successivamente alla chiusura della scuola Passo di Salto per criticità strutturali, una parte consistente dei finanziamenti venne dirottata verso il progetto di “consolidamento e adeguamento strutturale” dello stesso edificio per un importo di 3 milioni 500mila euro”continua il rappresentante del Pd in Consiglio Comunale.Il quale poi chiede di sapere quale fine abbiano fatto i finanziamenti destinati al “Contratto di quartiere”, che rischia di saltare e conclude aggiungendo ” a me risulta che la Regione Calabria,già inadempiente di suo, ha scritto un mese fa al Comune di Catanzaro, denunciando il mancato rispetto del cronoprogramma a suo tempo concordato e che quindi ogni valutazione in ordine a tali finanziamenti è subordinato alle decisioni che adotterà il Consiglio regionale “.

.

 

Mauro: il degrado di Gagliano

Catanzaro- Parte lancia in resta,l’ex candidato a sindaco per il capoluogo di regione.Elio Mauro interviene a proposito dei festeggiamenti di chiusura per i 300 anni dell’ Arciconfraternita del Rosario, in corso di svolgimento nel quartiere Gagliano. Mauro,però,punta il dito contro contro l’amministrazione comunale che ” neanche in queste importanti occasioni ha pensato di rendere accogliente e decoroso il quartiere, lasciandolo nel totale degrado igienico sanitario e ambientale”. E le lamentele dell’ex candidato a sindaco continuano,facendo riferimento a sterpaglie e rifiuti che offrono davvero una pessima immagine ai visitatori del quartiere e soprattutto a “piazze nuove”-sostiene ancora Mauro-“demolite per il solo e semplice motivo di aver promosso in passato un progetto fallito e rimasto incompiuto,anche se  molto ben retribuito, per un‘ altro progetto che, a parte la dubbia funzionalità dell’opera” pare non abbia a disposizione i fondi necessari per il completamento.

Catanzaro Servizi : solo un rinvio

Catanzaro –Nulla di fatto per il rinnovo dei vertici della Catanzaro Servizi, la “Partecipata” comunale da tempo finita nella bufera per la pesantissima situazione economica cui è soggetta. L’Assemblea dei Soci ,che avrebbe dovuto provvedere alla nomina di un successore per Giuseppe Grillo,inizialmente al vertice della società,ma attualmente dimissionario,è slittata al 6 settembre.Resta tutto in forse,quindi per la stessa “Catanzaro Servizi”: il futuro dei lavoratori impegnati,quello dei suoi vertici e anche la sua stessa sopravvivenza.

Intanto, nel corso della riunione dei capigruppo in Consiglio Comunale sono state fissate le date di convocazione per l’assemblea municipale: il 12 settembre in prima convocazione e il 14,in seconda. Si dovrà,tra l’altro,discutere del Bilancio di previsione  presentato recentemente dal sindaco del capoluogo di regione,Sergio Abramo.Una discussione,anche tenendo conto di altre notizie pubblicate su questo stesso sito,che si preannuncia davvero non facile.

 

Scalzo: Bilancio, i conti non tornano…

Il capogruppo del Pd in Consiglio Comunale  parla di una Giunta che naviga a vista e della necessità di una equità della pressione tributaria

 

Catanzaro – Salvatore Scalzo affida ad una radio locale la sua disamina sul bilancio  di previsione recentemente presentato dal sindaco, Sergio Abramo e che dovrà essere discusso in Consiglio Comunale il 12 settembre prossimo. Scalzo parla di elementi che necessitano un approfondimento, ma poi fa riferimento “al livello delle spese correnti che superano, con quasi 92 milioni di euro, di circa 300.000 euro l’ammontare delle spese correnti del 2011 e di oltre otto milioni di euro il livello del2012”.

Qualcosa non torna,ribadisce il capogruppo Pd : “Come si fa a parlare di aumenti delle tasse, senza porre in campo, dall’altra parte, una ristrutturazione della spesa corrente che porti a risparmi ciclici e che dia un senso davvero al sacrificio richiesto ai cittadini? “.

Scalzo  ricorda,appunto, che lo sforzo economico chiesto ai catanzaresi è davvero notevole,considerata una  pressione fiscale più che raddoppiata,passando da una tassazione di 285 euro per abitante nel 2008,a una di 594 euro  nel 2012. Il rappresentante in Consiglio Comunale per il Partito Democratico  torna a chiedere una tassazione secondo equità e annuncia iniziative sul bilancio, intendendo promuovere un incontro con partiti, associazioni e  società civile. “ Non bisogna dimenticare”,conclude,” che questo documento è il cuore della vita di una comunità ed è doveroso, per tutta la politica locale, portarlo alla conoscenza e alla discussione del maggior numero possibile di cittadini”.

 

Comune : ancora aspre polemiche. L’ex assessore Ventura interviene chiedendo le dimissioni di Mancuso

 L’assessore Carrozza si difende dagli attacchi di Sel, mentre  l’ex assessore della Giunta Olivo ritorna sulla vicenda dei conti pubblici in disordine.Intanto,Pisano controreplica chiedendo le dimissioni dello stesso assessore alla Pubblica Istruzione.Una situazione al limite del caos.

 

 

Catanzaro- Ci risiamo.Il comune capoluogo di regione che  rischia di farsi schiacciare dalla pesante situazione economica,al limite del tracollo e le rappresentanze politiche all’interno dell’assemblea elettiva non trovano di meglio che bisticciare. E come se la barca rischiasse di affondare in mare aperto ed i rematori facessero a gara nel colpirsi con tutto ciò che capita loro sotto mano.

Questa volta la polemica riguarda Sel,attraverso un suo rappresentante, Giuseppe Pisano e l’assessore alla Pubblica Istruzione,Patrizia Carrozza. Nei giorni scorsi era statolo stesso pisano ad usare la clava, accusando l’assessore comunale di aver  speso,inutilmente,circa 8 mila euro per il rinovo degli arredi nel suo ufficio, all’interno della struttura assessorile.E non finisce qui,lo stesso esponente di Sel chiede se siano stati elargiti  soldi pubblici per coprire le trasferte a Roma  dello stesso assessore.Trasferte che,evidentemente,secondo Pisano,non avrebbero avuto ragion d’essere.

Pronta la replica dell’assessore. Patrizia  Carrozza ribadisce in sostanza la trasparenza del suo operato,affermando di non voler percepire rimborsi che non le sono dovuti  per legge e che il rinnovo degli arredi,non riguardava la sua stanza,bensì gli uffici dell’assessorato e comunque erano stati avviati prima del suo arrivo . Carrozza conclude sperando che l’attacco sferratole non sia condiviso dall’intera Sinistra e Libertà  e parla di una vicenda  sgradevole e basata su falsità.

Dal canto suo, ancora Pisano controreplica,chiedendo le dimissioni dell’assessore alla Pubblica Istruzione.A rinfocolare le polemiche,interviene,su altro versante, Sabatino Ventura,ex componente della Giunta Olivo,che e’ stata al centro,in questi giorni, di duri attacchi nell’attribuzione di forti responsabilità inerenti alla crisi economica del Comune.Anche Ventura ha pronta una  richiesta di  dimissioni: questa volta all’indirizzo  dell’attuale assessore al Bilancio,Filippo Mancuso, che nei giorni scorsi aveva indicato proprio nell’esecutivo retto da Rosario Olivo l’artefice principale dei conti in disordine. “Le sue dimissioni sarebbero doverose perché egli, nella qualità di assessore al bilancio nella precedente giunta (quella guidata da Michele Traversa,n.d.r.) “- scrive Ventura -” ha contribuito, per scelte sbagliate e per non accortezza amministrativa/finanziaria a determinare l’uscita dal patto di stabilità del Comune di Catanzaro”.

Tutto qui?: nient’affatto. Per nuove emozioni cartacee,destinate a rintuzzare le polemiche,basta aspettare.

CatanzaroPolitica