Category: NEWS

Catanzaro: Scuola,un piano straordinario per gli edifici ?

Ci risiamo,si torna ai banchi di scuola.Un settore primario,quello formativo,che non può non risentire della difficile situazione economica anche  nazionale e delle casse comunali vuote. Agli studenti,in attesa di scoprire quali servizi la scuola può ancora garantire, arriva un messaggio scritto congiuntamente dal sindaco, Sergio Abramo e dall’assessore alla Pubblica Istruzione Patrizia Carrozza, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico 2012-2013.

“Quello che inizia  è un anno scolastico particolarmente delicato perché il mondo della scuola è investito direttamente dagli effetti della grave crisi che attraversa il Paese e, di riflesso, il sistema degli Enti Locali”-  è scritto nel messaggio- “una situazione ancora più pesante nella città di Catanzaro dove il Comune sconta l’uscita dal Patto di Stabilità nell’anno 2011 e di conseguenza la riduzione dei trasferimenti statali.Le difficoltà che si registrano nella logistica e nei servizi (si pensi all’organizzazione delle mense scolastiche) trovano tutte una precisa motivazione nella situazione di assoluta emergenza che il Comune si trova a dovere fronteggiare” E il documento conclude: “la drastica diminuzione di risorse non ci consente di dare le risposte che vorremmo, ma ciò non significa che la scuola non resti al centro dell’azione politica della nostra Amministrazione. Possiamo solo assicurare alle famiglie che non stiamo risparmiando alcuna energia e non trascurando alcuna pista per reperire la quantità maggiore possibile di risorse dalla Regione, dal Ministero e dall’UE da destinare ad un piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici. Ove possibile opteremo per nuove costruzioni che possano avere tutti i requisiti previsti dalle leggi”.

 

Catanzaro,fontane pubbliche: l’ acqua torna potabile

Revocata  l’ordinanza con la quale il sindaco, Sergio Abramo,aveva disposto la non potabilità  dell’acqua per le fontane pubbliche di Sant’Elia, via Monte Pecoraro, Piterà, Pontegrande, Santa Croce, Vincenzale e Janò.

La revoca,in seguito ad una comunicazione dell’Azienda sanitaria provinciale,nella quale si  specifica che ulteriori verifiche hanno appurato la “potabilità dell’acqua nei punti interessati”.

 

 

 

 

 

Catanzaro: uffici decentrati,chiudono i battenti in alcuni quartieri

E stata fissata anche una data precisa: da lunedì prossimo, 17 settembre,  gli uffici decentrati di Pontegrande, via Mario Greco e Sala saranno chiusi al pubblico. A comunicarlo,l’assessore ai Servizi Demografici, Rosanna Rizzuto.

Costano troppo,questa la sintesi delle motivazioni che hanno portato alla decisione.E la spending review  incombe.

Tra le motivazioni,l’assessore adduce la “necessità di  una riduzione della spesa per fitti passivi”  ed il fatto che l’attività di questi stessi uffuci si è andato riducendo notevolmente.” La chiusura degli uffici decentrati”  – ha concluso l’assessore Rizzuto – “consente un diverso e più proficuo utilizzo del personale in altre strutture, con consistenti vantaggi sul funzionamento complessivo della macchina comunale che registra una condizione di grave sofferenza, per i continui pensionamenti e per l’impossibilità normativa di provvedere al turn over”

In sostituzione degli ufffici chiusi,ci si potrà rivolgere nella sede centrale di palazzo de Nobili e negli  uffici decentrati  rimasti funzionanti  a Gagliano, Santa Maria e Catanzaro Lido.

 

Su altro versante,mobilità cittadina e parcheggi,tra  i settori all’attenzione della Giunta Comunale. Presieduto dal sindaco, Sergio Abramo,l’esecutivo ha autorizzato l’AMC, l’azienda per la mobilità cittadina ad acquistare autobus usati  e ricondizionati  per un importo totale di 344 mila euro.Serviranno a rafforzare il servizio.I finanziamenti, comunica la Giunta Comunale,  sono stati derivati dal risparmio effettuato su una precedente gara.

Con un’altra delibera,riguardante il parcheggio del Musofalo, verrà invece autorizzato l’uso di sbarre automatizzate in base al quale, sempre secondo quanto comunicato dall’esecutivo, “sarà possibile contenere la spesa del personale adibito a tale servizio e realizzare così una considerevole economia”.

Infine,approvata le perizie di riqualificazione dello stadio Verdoliva di Gagliano – che prevede la sistemazione del terreno di gioco, degli spogliatoi e la  sostituzione delle panchine  per un importo di 62mila euro-  e di rifacimento della condotta fognaria di via Schipani.

 

Scuolabus:Assessore Carrozza,ci saranno se verrà approvato il bilancio…

Catanzaro- Tempo di ritorno ai banchi di scuola.Ma il 17 settembre potrebbe essere a rischio il servizio scuolabus nel capoluogo di regione. L’assessore alla Pubblica Istruzione,Patrizia Carrozza,ha infatti emanato le direttive all’Amc, l’azienda per il trasporto pubblico cittadino e a Catanzaro Servizi,un’altra “Partecipata” dal Comune, per consentire un avvio regolare del nuovo anno scolastico.

Lo scuolabus ed i servizi necessari,quali il trasporto  e l’assistenza degli  alunni, sono però vincolati all’approvazione del Bilancio di previsione,che dovrà essere discusso ed eventualmente approvato,in Consiglio Comunale.

Su quest’ultima  vicenda sono in corso da tempo polemiche  e scontri verbali tra maggioranza ed opposizioni: non sarà facile venirne a capo. Conseguentemente, ” in caso di non approvazione dell’esercizio finanziario da parte del civico consesso,ci si riserva”,hanno prudentemente sottolineato l’Assessore Carrozza ed il dirigente  di settore,Molica, “di darvene(ad Amc e Catanzaro Servizi,n.d.r.  tempestiva comunicazione “.

Più chiaro di così…

 

Catanzaro: Verifica schede elettorali, martedì magistrati di nuovo al lavoro

Riprenderanno martedì prossimo19 settembre,le verifiche sulle schede elettorali che riguardano le operazioni di voto del 6 e 7 maggio scorsi,nel capoluogo di regione. Terminato l’esame  di  una prima tranche di schede,lo scadenzario  dei controlli,stabilito dallo stesso Tribunale Amministrativo Regionale,prevede che le operazioni finiscano al massimo entro il 10 ottobre,in modo da avere un verdetto nel corso dell’udienza già fissata per il 22 novembre.

C’è molta attesa per gli esiti della verifica,che dovrebbero  far luce (insieme ad un altro fronte delle indagini,quello penale) su presunti brogli elettorali e ventilati condizionamenti del voto,in particolare  in alcuni quartieri cittadini. Nei giorni scorsi,tra rappresentanti di maggioranza ed opposizioni in Consiglio Comunale era infuriata la polemica. Questa volta,invece, sul fronte politico sembra si sia scelta la strada del silenzio,aspettando che i giudici finiscano di svolgere con serenità il proprio lavoro.

 

Catanzaro: traffico e parcheggi, progetti comunali

Amministrazione Comunale al lavoro per il Piano del Traffico e per il nuovo sistema dei parcheggi. Il primo,dovrebbe essere definito entro la fine di ottobre.Intanto,entro la fine della settimana prossima dovrebbe essere riaperta via Italia,interessata da lavori in corso e che ha contribuito notevolmente a congestionare la circolazione degli automobilisti nei giorni scorsi.  A darne notizia l’assessore comunale al Traffico,Massimo Lomonaco.

Martedì,invece,sarà attivata l’autostazione per i bus extraurbani,di piazza Montenero. Un m icro-terminal atttrezzato, con edicola, display con gli orari dei bus, e servizi igienici.

Infine,i parcheggi: Lomonaco ha garantito che presto andrà in appalto la metropolitana di superficie,mentre si lavora su progetti relativi al parcheggio del  Politeama,fermo da anni e che dovrà  essere ristrutturato ed  e il potenziamento di quello del Musofalo.

 

 

Partecipate: Il Pd insiste per la holding

 Il gruppo consiliare lamenta pulizie approssimative effettuate dal Comune  nel quartiere S.Maria, nell’area sud della città

Catanzaro- Una holding unica,che accorpi tutti i servizi e e sia,per il 51% pubblica. Il Capogruppo del Pd in Consiglio Comunale,Salvatore Scalzo,ritorna sui problemi relativi alla ristrutturazione delle società “Partecipate” dal Comune di Catanzaro e che svolgono servizi pubblici essenziali.

La proposta era stata già avanzata dal centrosinistra,ma  Scalzo cita a supporto di questa possibile soluzione quanto riportato dalla stampa  in merito a proposte in tal senso avanzate nei consigli comunali di Palermo ed altre città. A ulteriore rafforzamento della proposta,il capogruppo Pd scrive  che è stato aperto sull’argomento uno specifico tavolo   ministeriale con l’avvio della discussione sulle “Partecipate”, con la stessa Palermo, Caserta e Napoli.

Non mancano le stilettate all’indirizzo dell’esecutivo comunale: “Da noi, a Catanzaro, la giunta naviga a a vista con soluzioni improvvisate che hanno semplicemente mirato, fino a questo momento, al controllo politico delle Partecipate, dei suoi dipendenti e dei suoi servizi”-scrive  Scalzo -“manca la visione, un progetto e una strategia chiara. Troppe persone, raramente qualificate, da accontentare e, con ragionevole probabilità’, clientele da foraggiare”.E Scalzo Insiste, ” sarebbe quanto meno prospettabile che, visto l’alto numero di Ex Lsu ed Lpu presenti nella Catanzaro Servizi, Abramo facesse uno sforzo per reinserire Catanzaro in questo circuito di discussione nazionale e il caso della nostra citta’ potesse essere affrontato dal governo assieme alle altre realtà’ locali ” cosa che secondo il rappresentante del Pd,spianerebbe la strada ad una soluzione più celere del problema, ” difendendo la qualita’ dei servizi, il bilancio comunale e, soprattutto, l’occupazione”.

 

Intanto,non piace al Pd  come sono state condotte le operazioni di pulizia,disposte dall’Amministrazione Comunale,nel quartiere S.Maria. In una nota a firma dell’intero gruppo consiliare, i consiglieri del Partito Democratico scrivono di una “operazione di propaganda ” messa in atto dalla stessa amministrazione e viene evidenziato come ,invece, il quartiere sia rimasto sporco. A sostegno di quanto affermato,il gruppo Pd ha diffuso alla stampa alcune foto,una delle  quali pubblicata in questa stessa pagina.

Scuole: un’autogestione per le mense?

Catanzaro – I soldi nelle casse comunali non ci sono e si pensa a mense autogestite dagli stessi Istituti,in base ai dettami sanciti dall’autonomia scolastica. Questa la proposta dell’assessore comunale alla Cultura, Patrizia Carrozza,che sull’argomento ha presieduto una Conferenza di Servizi,cui hanno partecipato il sndaco,Sergio Abramo,dirigenti comunali di settore,consiglieri municipali e dirigenti scolastici. L”autogestione,nelle intenzioni dell’assessore comunale,dovrebbe dare concrete risposte anche per quelle mense e quei refettori che accusano problemi di manutenzione. Molte di queste stesse strutture,hanno addirittura subito   sanzioni amministrative da parte dei  competenti uffici dell’Asp, proprio per l’inadeguatezza  dei locali preposti a tale servizio.E mentre è stata anche ipotizzata una ricognizione tecnica da parte dell’amministrazione comunale nelle strutture interessate, la stessa amministazione ha evidenziato le difficoltà di bilancio e la mancanza di appositi finanziamenti che rendono difficili gli interventi da parte comunale,considerato che allo stesso comune il servizio attuale costa oltre un milione di euro.

“Si tratterebbe – ha spiegato  l’assessore Carozza- di un modo nuovo  per affrontare la problematica  che in altre parti del Paese ha dato ottimi risultati. Qui da noi si potrebbe pensare anche alla messa in rete dei vari istituti”.

Proposto infine un tavolo tecnico permanente,composto da consiglieri sia di maggioranza che di opposizione, che vigili sulla messa a norma delle strutture adibite a mensa scolastica.A breve dovrebbe tenersi,sull’argomento,un nuovo vertice.

Intanto, cinque istituti scolastici della città hanno avuto accesso al Programma operativo nazionale “Ambienti per l’apprendimento”,  Fesr 2007-13, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Le cinque scuole  che usufruiranno del finanziamento,pari a 74.983 euro complessivi, sono l’Istituto Comprensivo Patari – Rodari, l’Istituto Milani, e gli Istitutio Comprensivi di Gagliano,quello Est e quello Sud. “I progetti” – ha spiegato l’assessore Carrozza – “riguarderanno il potenziamento degli ambienti per l’autoformazione e la formazione degli insegnanti e del personale della scuola, attraverso l’arricchimento delle dotazione tecnologiche e scientifiche e per la ricerca didattica degli istituti”.

___

 

 

 

Catanzaro: nuove riunioni del Consiglio Comunale su Bilancio, ‘Amc’,tasse e lavori pubblici

Nuova convocazione per il Consiglio Comunale del capoluogo. La prima data indicata dal presidente dell’assemblea municipale,Ivan Cardamone è quella di martedi 12 settembre,alle 9.00.Probabilmente,però,problemi legati alla verifica del numero legale,hanno consigliato una seconda convocazione, per venerdì 14 settembre alle ore 15.

Molto importanti gli argomenti da discutere: dal bilancio di previsione 2012,all’approvazione del Piano Triennale dei Lavori Pubblici,passando per la ricapitalizzazione dell’Amc  e la determinazione delle tasse da pagare su Imu,Tarsu, Tariffe  idriche.Oltre a vari procedimenti burocratici,si dovranno anche selezionare gli immobili di proprietà comunali che potrebbero essere venduti,così come quegli edifici,sempre di proprietà comunale,che possono avere una nuova destinazione d’uso.

Sul Bilancio,le opposizioni hanno già annunciato “battaglia”,in particolar modo sul  versante che riguarda il rapporto tra nuove imposizioni di tasse e servizi offerti ai cittadini.Per quanto riguarda invece la “Partecipata” Amc spa,l’azienda cioè per la mobilità cittadina,come riportato sopra,verrà revocata lo stato di liquidazione,con  la ricostituzione del capitale sociale.

 

Catanzaro: chiudono uffici anagrafici periferici.Costano troppo….

Costano troppo. Questa la ragione,determinata dalla spending review e quindi dalla necessità di risparmiare sulle spese, per la quale l’amministrazione comunale di Catanzaro ha deciso di chiudere i battenti per le ex sedi  circoscrizionali di via Vitale ,nel quartiere Pontegrande, via Mario Greco, via Regina Madre,a Siano e via della Stazione,a Catanzaro Sala.La data stabilita per la chiusura,il 17 settembre.

secondo i dati forniti dalla stessa Amministrazione, al Comune ogni certificato emesso dall’ufficio anagrafico di Pontegrande, ad esempio, costa in media più di 100 euro.Oltre 90mila euro,complessivi,invece,impegnati  tra stipendi  e spese di funzionamento della sede,che produrrebbe meno di 900 certificati all’anno.

Restano attivi,invece,gli uffici anagrafici periferici di via del Mare,a Catanzaro Lido, via Molise,a Santa Maria e via Orti,nel quartiere Gagliano: sono uffici , ubicati in locali di proprietà dell’Ente e in aree di alta densità abitativa.

Per quanto riguarda il personale degli uffici anagrafici che cesseranno la loro attività il 17 settembre,i dipendenti saranno in gran parte occupati negli uffici centrali di Palazzo De Nobili, dove gli organici sono attualmente carenti.