Category: CRONACA

Omicidio a Catanzaro: la criminalità alza il tiro …

 

Polizia di Stato

 

Non si arresta l’escalation criminale nel capoluogo di regione. Questa mattina l’ultimo, gravissimo episodio con una vera esecuzione nei confronti di Domenico Bevilacqua, 54 anni, conosciuto come  “Toro Seduto” e capo dei clan nomadi in città.

Raggiunto da numerosi colpi d’arma da fuoco, è stato trasportato in ospedale, ma non ce l’ha fatta. Bevilacqua aveva già subito un  altro attentato diversi anni fa.

Il fatto che sia stato ucciso proprio nel ‘suo’ quartiere, l’Aranceto, nell’immediata periferia di Catanzaro, getta ombre ancora più inquietanti sulla vicenda. In un capoluogo  di regione già duramente provato da rapine e intimidazioni ai danni di attività commerciali.

 

libera 03

 

Recentemente si era tenuta, nel centro storico, una manifestazione contro l’ ingerenza  criminale e alcuni vertici tra le Istituzioni per decidere il da farsi. Invece, il grado di pericolosità del fenomeno è andato aumentando.

Genitori denunciati in calabria: non mandavano i figli a scuola

 

scuola 100

(AGI)  Venti genitori, responsabili, secondo l’accusa, della mancata frequentazione delle scuole dell’obbligo da parte dei loro figli, sono stati denunciati dai Carabinieri del comando compagnia di Petilia Policastro (Kr).

I ragazzi frequentavano scuole elementari e medie e il biennio delle superiori dei comuni di Petilia, Mesoraca e Cotronei, nel Crotonese.

Svariate le giustificazioni addotte dai genitori, come ad esempio improbabili malattie dei ragazzi (senza alcuna certificazione medica che ne attestasse la sussistenza) o la necessita’ che i figli aiutassero i parenti in lavori manuali, ma nessuna sufficiente, secondo gli inquirenti, a giustificare quello che per molti studenti e’ stato un vero e proprio abbandono scolastico, con la conseguente perdita dell’anno.

Catanzaro: solidarietà dopo esplosione ordigno contro autoricambi

 

 

auto polizia

 

Continua l’escalation criminale nel capoluogo di regione. Un ordigno è stato fatto esplodere nella tarda serata di ieri, danneggiando un esercizio commerciale di autoricambi, in viale Europa.

Solidarietà alla famiglia Lasca, proprietaria della struttura danneggiata gravemente, da palazzo De Nobili.

“La famiglia Lasca “, sottolinea il consigliere comunale Oreste Cosentino, “ deve continuare a lavorare senza perdere la speranza sapendo che le istituzioni sono dalla propria parte. L’atto intimidatorio, l’ennesimo avvenuto negli ultimi mesi nel Capoluogo di regione, è un gesto gravissimo e da condannare in pieno. E diventa tanto più grave perché colpisce degli imprenditori che si sono sempre contraddistinti per correttezza e professionalità. Auspico che le Forze dell’Ordine individuino al più presto le cause e gli esecutori dell’attentato intimidatorio”.

Calabria: frana sui binari, treni in tilt nella prima mattinata

 

treno 01

Disagi notevoli per la circolazione ferroviaria in Calabria, sulla tratta Paola-Reggio.

A causa del maltempo, una frana ha provocato la caduta di alberi ed altri inerti sui binari della ferrovia, nell’area di Francavilla, nel vibonese, determinando il blocco dei treni in transito – ora verso la  normalizzazione- e problemi ai residenti nella zona.

Catanzaro: rapina Sidis, un arresto

 

 

carabinieri 08

(AGI)  – Un uomo e’ stato arrestato dai Carabinieri del Reparto operativo provinciale e della Compagnia di Catanzaro con l’accusa di rapina a mano armata. Si tratterebbe di uno dei componenti del gruppo, composto da tre persone, che la sera del 9 aprile scorso prese di mira un supermercato Sidis di Catanzaro, nel quartiere Pontepiccolo, portando via l’incasso dopo avere minacciato i dipendenti.

In manette e’ finito un uomo residente a Lamezia Terme (Cz), ma i carabinieri sono al lavoro per identificare tutti i componenti del gruppo criminale tra i quali ci sarebbero anche catanzaresi. I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in programma alle 12 nel Comando provinciale carabinieri di Catanzaro. La rapina si inserisce in un contesto di escalation criminale nella citta’ capoluogo di regione. Nei giorni scorsi sempre i carabinieri di Catanzaro hanno arrestato quattro persone accusate di tentata estorsione ai danni di attivita’ commerciali della citta’ e di furto. (AGI) Cz1/Adv

 

Incendio ex Mercatone: Cgil, servono risposte concrete dal Governo

giuseppe valentino (2)
“L’incendio all’ex Mercatone è l’ennesimo atto brutale nei confronti della città capoluogo di Regione. Siamo preoccupati ma non arretriamo di un millimetro sul tema della sicurezza e legalitá”.
Ad affermarlo il segretario generale della Cgil Catanzaro, Giuseppe Valentino, che “chiede risposte immediate per evitare un effetto depressivo sulla giá fragile economia catanzarese”.
“Il governo faccia sul serio ed eviti le passerelle sulle questioni che minano la sicurezza dei cittadini e delle attivitá economiche di Catanzaro,” ribadisce Valentino,” non possiamo e non vogliamo abituarci a questi fenomeni, ma dobbiamo ogni volta indignarci e lottare con maggiore determinazione”.

Catanzaro: Incendio a lido. Indagini in corso

 

 

vigili_del_fuoco2

Nuovo episodio criminoso a  danno delle strutture commerciali, nel capoluogo di regione? Le indagini sono in corso e il punto interrogativo è d’obbligo. Di certo rimane l’incendio che ha devastato il lido  “Sunrise” a Giovino, nel quartiere marinaro.

Le squadre dei vigili del fuoco, intervenute all’alba, sono ancora al lavoro. Così come sono al lavoro gli investigatori per accertare se l’incendio abbia avuto origini dolose.

Se così fosse, l’episodio di stamane costituirebbe l’ennesimo tassello negativo di un’escalation criminale che sta avvolgendo Catanzaro. Rapine ,incendi, devastazioni e quant’altro spostano sui rosso il livello d’attenzione da parte delle istituzioni e delle forze di polizia. Nei giorni scorsi si sono tenuti alcuni incontri di vertice, in prefettura, nel tentativo di arginare il  fenomeno criminale con opportune contromisure. Ma, come evidenziato spesso anche negli ultimi mesi, anche gli organici  delle strutture  impegnate a garantire la sicurezza dei cittadini e  degli stessi operatori economici, sono insufficienti: mancano, uomini e mezzi. Forse, il sistema di ‘tagli’ avviato anche in questo settore, dovrebbe subire un brusco ridimensionamento.

Guglielmo: solidarietà,dopo attentato

Solidarietà a tutti i livelli della società civile, al Gruppo Guglielmo, proprietario dell’omonimo villaggio turistico a Copanello. Dopo che, la notte scorsa, una bomba ha devastato l’ingresso del ristorante, immediate sono arrivate le attestazioni di solidarietà.

Dal sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo,  a Confindustria,al segretario regionale del Pd : “C’e’ una sfida in atto, in Calabria, tra legalita’ e illegalita’, e chi dimostra coraggio deve essere sostenuto e preso da esempio”, ha detto Ernesto Magorno.

“Sono convinto che l’intero gruppo e il suo presidente, Daniele Rossi, non si lasceranno abbattere dall’ennesimo atto criminale mirato a colpire una solida realta’ imprenditoriale della nostra Provincia, che da’ lavoro a numerose famiglie ed e’ ormai universalmente riconosciuta anche al di fuori dei confini regionali” ,  ha sottolineato Abramo.

“Sono certa verrà fatta piena luce sull’accaduto”, ha detto il Presidente facente funzioni della Giunta Regionale, Antonella Stasi, ” ma questi episodi delinquenziali non devono scoraggiare chi produce e da lustro al nostro territorio”.

Intanto,investigatori al lavoro per far luce sulla vicenda.