“Catanzaropoli”, Lomonaco: finalmente potrò rappresentare la mia versione dei fatti ai giudici

 

“Apprendo, come al solito, dai giornali della richiesta di rinvio a giudizio presentata dalla Procura della Repubblica nella cancelleria del Giudice per l’Udienza preliminare con riferimento al c.d. processo “Catanzaropoli.Al di là dei toni d’enfasi che, ogni volta, caratterizzano mediaticamente la diffusione delle medesime notizie inerenti detta vicenda processuale, non posso che ribadire, anche in questa fase, la mia piena fiducia nella Magistratura, nella ferma convinzione che, al termine del processo, sarà ristabilita la verità dei fatti oggetto di giudizio”.

E’ quanto affermato dall’ex assessore comunale  Massimo Lomonaco, in relazione agli sviluppi dell’inchiesta “Catanzaropoli”.

massimo lomonaco 01

“Nel corso della conferenza stampa indetta all’indomani della diffusione dell’indagine, dopo aver chiarito politicamente, anche con riferimenti documentali, la mia estraneità alle ingiuste accuse provvisoriamente addebitatemi, ho ritenuto doveroso mantenere un religioso silenzio e attendere che i fatti venissero accertati nelle Sedi a ciò deputate, vale a dire le aule di giustizia”, continua Lomonaco, “ovviamente, non intendo rompere questo silenzio.Rilevo, però, che finalmente si avvicina il momento nel quale, con l’ausilio dei miei avvocati, potrò rappresentare ai Giudici la mia versione dei fatti e sottoporre al Loro vaglio la mia condotta di amministratore, rispetto alla quale – non si dimentichi – in buona sostanza mi si contesta la partecipazione a un reato associativo per € 400,00 piuttosto che il delitto di peculato per un ipotetico danno di € 250 (intelligenti pauca!)”, ribadisce l’ex assessore, ” il tentativo, maldestro, poi, da parte di alcuni detrattori, di sovrapporre agli addebiti elementi estranei ai “contenuti” processuali, è la dimostrazione dell’esistenza di una strategia (neppure troppo velata) tesa ad utilizzare strumentalmente detta vicenda per eliminarmi politicamente”.

“Stiano sereni i miei avversari, continuerò ancora a fare politica nell’interesse della collettività”, conclude Lomonaco, ” come ho sempre fatto per oltre 40 anni – senza mai varcare la soglia di un Tribunale e apprendendo solo a 60 anni di come sia strutturato un avviso di garanzia – e a difendere la mia onorabilità nelle Sedi preposte, nell’intima convinzione che il tempo è galantuomo”.

 

1 Comment

  1. Anna Zampina scrive:

    ma non si vergognano affatto? Hanno pure il coraggio di parlare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *