Catanzaro: Gagliano ricorda “Marcangione” , 400 anni dopo

 

gagliano confraternita rosario

A circa 400 anni della nascita di Marco Pizzuto, detto Marcangione, il Priore, la cattedra Priorale e tutti i confratelli del SS. Rosario di Gagliano, hanno deciso di apporre su una parete di un locale attiguo alla Chiesa del Rosario in via Gonio giorno 27 giugno con inizio alle ore 16.00, una lapide marmorea per ricordare il Pittore Gaglianese. Il motivo principale che spinge la Confraternita a ricordare Marco Pizzuto  risale all’episodio miracoloso che riguarda  la tela della Vergine di Costantinopoli  oggi custodita nella chiesa del Divin Salvatore a Gimigliano,  portata in processione ogni anno il martedì successivo alla pentecoste da Gimigliano alla Basilica Minore della Madonna di Porto.

Come infatti  ricorda l’arciprete Domenico Lamannis nel libro “ la Gran Madre di Dio”, il popolo di Gimigliano per sfuggire al pericolo mortale degli eventi  pestilenziali e tellurici che si verificarono intorno al 1625 nel regno di Napoli e in terra calabra, pregando promisero alla Vergine di Costantinopoli di far dipingere la sua effigie, al tempo  venerata nella chiesa di Maria di Costantinopoli nel quartiere S. Lorenzo a Napoli col titolo di Odigitria ad un pittore della vicina Gagliano.

Superato il pericolo il popolo Gimiglianese mantenne la promessa e scelse il pittore Marco Pizzuto detto Marcangione di Gagliano  il quale,  ricevuto l’incarico a tarda sera, tratteggiò solo i lineamenti e rimandò la colorazione al giorno successivo, salvo poi al risveglio trovare la tela  già dipinta. Il fatto avvenne nei pressi della chiesa del Rosario e per tale ragione i  gaglianesi e  catanzaresi rivendicarono la tela ma  la stessa venne consegnata per diritto di commissione al popolo Gimiglianese.

L’immagine era cosi bella che i confratelli del Rosario di Gagliano chiesero al pittore  di dipingere la stessa Madonna  su tavola lignea, quest’ultima  è  oggi  custodita nella Chiesa del Rosario.

 

interno invito 01

Per ricordare questi avvenimenti, con apposita cerimonia Officiata da S. E. L’arcivescovo Vincenzo Bertolone di Catanzaro verrà svelata e benedetta  la lapide marmorea, alla cerimonia seguirà un convegno con due studiosi, che tratteranno il tema delle icone Sante e della devozione Mariana, nonché discuteranno del valore pittorico di Marcangione, così detto, in omaggio di un discepolo di Leonardo Da Vinci, come si legge nel libro “Alle porte di Catanzaro da Petra Gnazia a Gagliano” del compianto prof. Luigi De Siena.

Il convegno e l’intera iniziativa si propongono di rafforzare la devozione  per la Vergine Maria, devozione che spinge i confratelli  nel mese di settembre a fare un pellegrinaggio proprio nella chiesa di Maria di Costantinopoli nel quartiere s. Lorenzo a Napoli.

La lirica che segue narra  in versi dialettali gli avvenimenti dell’epoca ed è stata composta per l’occorrenza.

 Antonio Caroleo

 

antonio caroleo

 

MARIA ODIGITRIA

di Antonio Caroleo

Ntra l’occhji sbarrati de la genta,

si leghjia  lu terrora de la morta,

nu morbu perniciosu e fhetenta,

li stenda ad’unu ad’unu senza sorta.

Santa Maria chi grazzi  Tu cuncedi,

ca lu divinu pargulu t’ascorta,

fha in modu a strata numma cedi,

a lu morbu,  chì simina la morta.

 

Nta chiesa stacimu notte e jiornu,

n’te  banchi seduti  e Ti pregamu,

cu’  lu rosaru mmanu e  preti ntornu,

na  grazza santa supplici cercamu.

Si Tu n’soccorsu veni  Odigitria,

e Napuli l’immaggina portamu,

seduta ntronu e u pargulu cu’ Tia,

a Marcangiona  ma pitta c’ordinamu.

 

Passanu jiorni  interi e  settimani,

e l’ordina divinu u mala arresta,

nun si ndhe cojhia chiu’ malati e sani,

a genta e  ammenzu a strata chi fhà  fhesta.

E duva  Marcangiona  dhe’ Gagghianu,

gridandu a lu miraculu s’avventa,

u populu graziatu e Ghjimigghjianu,

ca ogni promessa…. debitu diventa.

 

Allora Marcangiona ebba l’onora,

ma pitta a Vergina Maria,

ntra nu catojiu c’ava pe’ dimora,

vicinu a la chiesa do Goniu.

Pigghiau matita e tila e cu’  fhurora,

prima Morfeu m’ava u sopravventu,

si misa a  disegnara la Signora,

tirandu  sulu tratti e lineamentu.

 

Ma ohrà!!! soppresa beddha a lu njiornara,

videndu  lu catojiu ‘lluminatu,

u quatru  nun avia chiu’ e pittara,

ca in estasi l’havia cumpletatu.

Restau arremisu, quasi mpessulatu,

davanti tanti grazzi e ducizzi,

paria nu splendora  do Criatu,

na perfeziona e tantu dhe beddhizzi.

 

Veniti genti si misa a gridara,

guardati chi prodigiu’ è capitatu,

a la chiesa de Gagghjanu a dhe restara,

sa quatru  acheropita  chè  pittatu.

Ma  a Ghjimigghjianu u populu devotu,

u quatru pretendija ma restava,

tri jiorni dijiunava  comu votu,

dirittu e commissiona m’bocava.

 

Ma puru e Catanzzaru  a cittadinanza,

a la giustizia tostu s’appellava,

u quatru volija pe’ m’portanza,

a tila prodigiosa rivendicava.

A Reggia Udienza  citata cu sapienza,

pe’ giustizia e scienza jiudicava,

e senza esitaziona e prudenza,

a Ghimigghjianu u quatru cunsegnava.

 

Passati li contrasti e la contesa,

Gagghjianu, Ghimigghjianu e Catanzzaru,

comu cristiani d’intra a stessa Chiesa,

l’icona santa in comuniona, amaru.

Sa randa Mamma grazzi  ma cunceda,

tuttu u populu ma guarda d’ogni cosa,

ma sarba l’anima a cui ava fheda,

e a lu devotu  chi prega senza posa.

 

Catanzaro, prima festa novembrina 2014

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *