Carceri: delegazione Radicale nelle strutture calabresi

 

Le condizioni di vita dei detenuti nelle carceri calabresi al centro di una serie di visite, la prima delle quali proprio oggi, 24 dicembre, alla casa circondariale di Castrovillari, da parte di una delegazione Radicale,che poi a Capodanno sarà con i “detenuti della casa circondariale di Rossano. Siamo stati autorizzati dal DAP a visitare tutte le carceri calabresi grazie all’interessamento dell’onorevole Rita Bernardini. Il tour avrà lo stesso motto utilizzato dal Congresso di Nessuno Tocchi Caino svoltosi nel carcere di Opera: spes contram spem, esser soggetto speranza contro ogni speranza oggetto”.

Rocco Ruffa (Comitato Nazionale di Radicali italiani) e Giuseppe Candido segretario associazione “non mollare”, entrambi militanti del Partito Radicale e dell’associazione Nessuno Tocchi Caino, ricordano l’apertura dell’ anno giubilare della Misericordia e citano Papa Francesco e l’ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano nei loro interventi contro la pena di morte ed i richiami alla possibilità di un’amnistia e comunque a misure atte a migliorare la condizione di vita nelle carceri  per i  detenuti.
carcere
“Come Radicali, andremo in tutte le carceri della Calabria, cominciando le visite giovedì 24 a Castrovillari e proseguendo il 26 dicembre mattina a Palmi e nel pomeriggio a Vibo Valentia“, affermano Candido e Ruffa, ” Continueremo il 27 a Reggio dove la mattina visiteremo il carcere cittadino Panzera e, nel pomeriggio, entreremo in quello di Arghillà. Martedì 29 dicembre saremo in visita ai detenuti della casa circondariale Ugo Caridi di Siano a Catanzaro e mercoledì 30 entreremo in quella di Crotone. A Capodanno saremo al carcere di Rossano Calabro, il 2 gennaio torneremo nel reggino al carcere di Locri; concluderemo il tour domenica 3 gennaio visitando la mattina il carcere di Paola e il pomeriggio quello di Cosenza“.
“Le visite tenderanno a verificare le condizioni di detenzione, all’ascolto dei detenuti e alla raccolta dei dati relativi al questionario carceri (elaborato dall’onorevole Bernardini) sui detenuti presenti distinti per grado di giudizio(…) e valutare percentuali di sovraffollamento, carenze strutturali con particolare riferimento alle condizioni inumane e degradanti e le carenze di organico della polizia penitenziaria nei diversi istituti di pena calabresi”,concludono i due rappresentanti radicali, “inoltre cercheremo di capire come e quanto si può effettivamente lavorare, come e quanto è possibile studiare e come ci si può curare nelle carceri calabresi. Al termine delle visite terremo una conferenza stampa sulle condizioni di detenzione rilevate”.

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *