Calabria: protesta Vigili del Fuoco . M5S, le caserme chiudono …

 

“Siamo vicini ai precari dei Vigili del fuoco che stanno protestando a Villa San Giovanni (RC) contro le misure del governo che ne hanno determinato il licenziamento”.

Lo affermano i parlamentari M5s Paolo Parentela, Dalila Nesci, Nicola Morra e Federica Dieni, insieme all’eurodeputata Laura Ferrara, che aggiungono: “I precari chiedono l’approvazione del disegno di legge a prima firma del nostro collega Cozzolino del M5s, che dispone la stabilizzazione attraverso graduatoria dei volontari che hanno prestato servizio nei Vigili del fuoco per almeno cinque anni. Una proposta di buon senso, tesa a mantenere l’eccellenza del corpo e a mettere la parola fine ad anni di precariato”.

Vigili del Fuoco in protesta

“Il nostro Paese”, continuano i 5 stelle, ” non rispetta gli standard europei, che prevedono la presenza di un vigile del fuoco ogni 1000 abitanti. Il disegno di legge Cozzolino riuscirebbe a portare l’Italia all’interno di questo standard minimo, fondamentale per garantire la necessaria sicurezza ai cittadini italiani. Il governo Renzi si fa vanto di aver ridotto la spesa pubblica, senza però accennare all’inevitabile perdita in sicurezza derivante dai tagli micidiali ai Vigili del fuoco”.
Parentela, Nesci, Morra, Dieni e Ferrara concludono: “In tutta Italia le caserme continuano a chiudere per carenza di personale. Questo è inaccettabile, specie in presenza di una proposta di legge che può garantire stabilità ai lavoratori e sicurezza ai cittadini”.

1 Comment

  1. Giacoma Iraci scrive:

    Non mi sembra giusto escludere dal Disegno di legge i vigili del Fuoco volontari discontinui che sono iscritti da meno di 5 anni, che hanno aspettato anni e anni per essere iscritti nell’elenco e che hanno subito le conseguenze dei tagli del governo Renzi nel 2015 e nel 2016. Mio figlio è iscritto da quasi tre anni ed ha lavorato quasi 100 giorni, secondo questo disegno di legge dovrebbe restare fuori!!! non sarebbe corretto e sarebbe ingiusta questa discriminazione!! ha effettuato un corso di formazione, perchè dunque non dare la possibilità a chi è iscritto negli elenchi di partecipare ed essere inseriti nella graduatoria con la speranza anche dopo qualche anno di poter essere chiamati? Ditemi cosa deve fare un ragazzo in questa situazione!!! sono veramente delusa dai politici e soprattutto dal deputato del movimento 5 stelle che lo ha proposto, altro che pari opportunità a tutti si cerca di privilegiare tutti tranne i giovani volenterosi che hanno tanta voglia di lavorare!!
    Spero che porrete rimedio a questa ingiustizia, spero che leggiate questo commento. Grazie una vostra elettrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *