A cena con il cellulare …

 

 

A cena con gli amici o la propria partner. Pizzeria  o ristorante e come unico referente il cellulare, possibilmente l’ultimissimo modello, per stupire  lo sventurato seduto di fronte.

E’ sempre più facile incontrare persone con abitudini simili  nei locali :  si sta a tavola, con il dito sempre incollato sul  telefonino ed in fondo, non si aspetta altro che poter tornare al proprio pc, al comodo e rilassante  virtuale.

 

telefonino a tavola 02 bisSociologi e studiosi delle nuove, cattive abitudini italiche, ma non solo, da tempo mettono in guardia contro gli effetti deleteri che confondere  realtà e virtuale  possono provocare sui più piccoli. Ma il fenomeno è ormai diffuso a macchia d’olio anche e soprattutto tra gli adulti.

Un istituto specializzato, ‘Forsa’ ha condotto un ‘indagine a livello europeo ed i risultati confermano le peggiori previsioni. Tanto che l’84% degli intervistati, infastiditi da queste cattive abitudini, vorrebbe un po’ più di attenzione dagli altri. Invece,  una persona su due dichiara di dedicare più tempo al  telefonino che al proprio compagno/a.

Quattro intervistati ogni 10 sostengono di tenere costantemente d’occhio le notizie  sul cellulare e -occorre dirlo?-  non ci sono grandi differenze  comportamentali tra coppie sposate o meno.

Quale sia l’attinenza tra una buona ‘capricciosa’ o  ‘margherita’, il piacere di stare assieme alle persone care e la necessità di tenersi costantemente informato su ciò che avviene nel mondo, non ci è dato ancora di comprenderlo.

Nulla di cui stupirsi, in fondo. Non molto tempo fa, ma sembrano passate ere geologiche, negli stessi locali capitava spessissimo d’imbattersi in coppie, anche molto giovani, che in assordante silenzio incollavano  lo sguardo alla soap o al programma d’intrattenimento che  la tv trasmetteva a tutto volume nella sala.

Cambiati repentinamente i tempi, rimasta la stessa difficoltà di comunicazione interpersonale. Nonostante internet…

Alfonso Scalzo

 

 

 

 

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *